Alex Polidori canta il mare di plastica (che potrebbe sommergerci)

di Redazione Smemoranda

News
Alex Polidori canta il mare di plastica (che potrebbe sommergerci)

Da venerdì 26 Giugno sarà disponibile su tutti i principali digital store “Mare di plastica”, il nuovo singolo di Alex Polidori, cantautore nonché una delle voci più celebri e rappresentative del doppiaggio italiano.

A soli 25 anni Alex Polidori è già cantautore, attore e noto doppiatore. Attivo nel mondo del cinema e dello spettacolo sin dalla tenera età, Alex nel corso degli anni incarna diversi ruoli nel cinema e nella televisione. Approda da giovanissimo al mondo del doppiaggio che gli regala grandissime soddisfazioni. Sua la voce per l’Italia del pesciolino Nemo di Tom Holland in “Captain America: Civil War”, “Spider-Man: Homecoming”, “Avengers: Infinity War”, “Avengers: Endgame” e “Spider-Man: Far From Home”. Nel suo curriculum anche il Timothèe Chalamet di “Chiamami Col Tuo Nome”, doppiaggio che li ha consentito di vincere il premio come miglior doppiatore al Festival nazionale del Doppiaggio (2019), “Lady Bird” e “Un giorno di pioggia a New York” di Woody Allen.

La musica è l’altra, ennesima grande passione di Alex. Dopo l’ottimo riscontro di brani come “Va tutto bene”, “Non lo faccio apposta”, “Paranoico” sino al recente “Virus Bastardo”, “Mare di plastica” è il nuovo singolo che segna il ritorno in musica del giovane cantautore romano, portavoce di un importantissimo messaggio di sensibilizzazione sulla delicatissima questione dell’inquinamento ambientale.

Mare di Plastica – dichiara Alex – è un brano dalla forte valenza sociale al quale sono molto legato. Il progetto nasce in seguito all’interesse scaturito dopo aver visto un servizio in tv in cui si parlava dell’emergenza ambientale. Ho iniziato così a documentarmi, appassionandomi a questo tema, cercando di capire quale potesse essere la forma migliore per dare il mio contributo concreto a questa cara questione. La musica ha un potere formidabile e riesce a veicolare i messaggi meglio di qualunque altro mezzo di comunicazione e forma d’arte. L’idea che con una canzone avrei potuto contribuire, anche in minima parte, a sensibilizzare le persone spingendole a cambiare le proprie abitudini e a rispettare il nostro pianeta, mi ha convinto a finire “Mare di Plastica”, condividendolo con tutto il mio pubblico”.

“Mare di plastica” è un grido di speranza per la Terra, un invito e un appello a essere più responsabili e rispettosi dell’ambiente in cui viviamo. “Mare di plastica”, scritto dallo stesso Alex insieme a Francesco Sponta e Marco Di Martino, vuole ricordare proprio l’importanza della salvaguardia dei mari, soffocati da una montagna di microplastiche disciolte nelle acque: è necessario agire con urgenza e determinazione, rendendoci tutti parte attiva per il bene dell’umanità, ognuno con le sue forze, per far sì che non sia troppo tardi, considerando i dati già allarmanti relativamente alla quantità di rifiuti che asfissiano i mari e gli oceani.