Aliens Vs. Predator

di Michele R. Serra

Recensioni
Aliens Vs. Predator

Hmm, allora: Alien è veloce, si nasconde nel buio, si può arrampicare sui muri e ti ammazza con un colpo di lingua. Predator è più lento, ma pesantemente armato – compreso il laser a spalla – e poi può diventare invisibile e passare in modalità visione termica. Quindi, qual è la risposta? Boh.

Del resto, non è neanche molto importante: quello che ci interessa è che Alien e Predator si scannano sullo schermo, e noi possiamo scegliere chi essere, dei due. Quindi, due giochi al prezzo di uno: se siete Alien, potete fare tutto quello che fa un Alien; se siete Predator… bè, avete capito. Questo, è ciò che si richiede a un gioco del genere: che ti faccia sentire un mostro fantascientifico. Missione compiuta.

La possibilità di vedere la stessa trama con tre occhi diversi e di giocare in tre modi diversi è molto interessante, e poi il gioco è farcito di citazioni a pioggia, che saranno colte e apprezzate dai fan, come la musica presa di peso dalle colonne sonore originali.

Peccato che il resto non sia un granché, a partire dalla grafica, per continuare con il gameplay noiosetto (particolarmente nella modalità alien) e con il multiplayer asfittico. Aliens vs. Predator – nonostante le premesse – riesce appena a solleticare l’anima degli appassionati, sul piccolo come sul grande schermo.

Rebellion
ALIENS VS. PREDATOR
Xbox 360, PS3, PC