Borat 2 è il film comico più inquietante del 2020

di Redazione Smemoranda

Recensioni

Noi lo volevamo, questo Borat – Seguito di film cinema. Ma il fatto è che il comico americano Sacha Baron Cohen aveva un problema, nel girare il seguito del suo film più famoso: il giornalista kazako Borat e la sua faccia, dopo il primo film sono diventate un po’ troppo note. E siccome Borat contava praticamente su una serie di candid camera, filmando le reazioni naturali delle persone con cui il personaggio andava a interagire, beh questa formula non poteva più essere efficace, se ripetuta uguale a se stessa. La soluzione è quindi una doppia soluzione: nuovi travestimenti per Sacha Baron Cohen, sempre più complessi e realistici, e una spalla su cui poter contare quando lui proprio non poteva farsi vedere.

Chi è Maria Bakalova, la figlia di Borat

La spalla in questione è Maria Bakalova, attrice bulgara 25enne che si cala nei panni di Tutar, figlia kazaka 15enne del protagonista. La missione di Borat, ottenuto il benestare del suo presidente, è quella di consegnare Tutar come gentile omaggio a Mike Pence, vicepresidente della Casa Bianca, per migliorare i rapporti tra il presidente del Kazakistan e Trump. E da questa premessa forse non sembrerebbe, ma in effetti Borat – Seguito di film cinema è un film fortemente femminista, se ci pensate un attimo. Quello che è difficile dire è che sia un film davvero comico.

Borat 2, un film comico con l’ansia

Non so voi, ma credo che un film per definirsi comico debba far ridere. E in questo senso, beh, Borat 2 non fa davvero ridere. Perché il gioco è sempre quello di mostrare le più assurde aberrazioni della società e della politica americana, che si chiamino razzismo, complottismo, omofobia, negazionismo, suprematismo bianco… dentro il film c’è tutto. E Sacha Baron Cohen tratta questi problemi proprio cercando di estremizzarli, scavando nel torbido fino a trovare il grottesco. Fa ridere, certo, ma è anche estremamente inquietante. Perché è lo specchio di un mondo in cui la comunicazione tra le diverse categorie di persone sembra diventata pressoché impossibile.

Quindi alla fine Borat 2, invece che un film comico, diventa l’ennesima ansia da aggiungere a quelle che già abbiamo davanti agli occhi quando guardiamo verso il futuro. Brr.