Buon Coming Out Day a tutti

di Giovanna Donini

Attualità - News

Oggi è il #comingoutday. So bene quanto sia difficile uscire allo scoperto. Anche a me è successo di doverlo fare e, anche se sono stata molto fortunata perché ero e sono circondata da persone amorevoli e intelligenti, non è stata una passeggiata. La paura di deludere ti condiziona molto, ma devi pensare solo che chi ti ama non vuole vederti infelice.

Fare coming out, uscire allo scoperto, insomma dire a qualcuno a cui tieni che sei orgoglioso di essere quello che sei, a me ha portato solo cose belle e soprattutto sono convinta che nella maggior parte dei casi sia così. Ognuno ha i suoi tempi e i suoi modi, ma noi ve ne consigliamo cinque pratici, pragmatici, alternativi, intuitivi, ma soprattutto divertenti per fare coming out in famiglia e con gli amici.

via GIPHY

Uno. A tuo padre se è molto tifoso di una squadra (esempio interista)

“Papà devo dirti una cosa: ho capito di essere juventina/o”. Dopo qualche istante (non fare passare troppo tempo altrimenti rischi la vita) dire: “Scherzavo, invece è vero che sono gay/lesbica, bisessuale, etc ”.

Note. Fidati: pur di non saperti juventina/o la prenderà benissimo.

Due. A tuo padre se non è un tifoso di calcio, ma un grande estimatore di vini

Investi i tuoi risparmi per acquistare una buonissima bottiglia di vino. Stappala e brinda al padre migliore del mondo. Dopo di che fallo bere molto e quando barcolla abbraccialo forte. Dopo di che comincia ad elencargli tutti i gusti che avete in comune. Esempio: mi piace ridere come a te, mi piace leggere come a te, mi piacciono gli horror come a te.

Dopo di che se sei una ragazza aggiungi: e mi piacciono le ragazze come a te. Invece se sei un ragazzo aggiungi: peccato che a me non piacciano le donne come a te.

Note: mi raccomando il vino deve essere molto alcolico e molto buono.

Tre. A tua madre

Tua madre in cuor suo lo sa già. Quindi dille tutto dando per scontato che lei lo sappia già.

Se sei un ragazzo inizia così: “Sei e resterai per sempre l’unica donna della mia vita”. Si scioglierà e molto probabilmente non ascolterà nemmeno il resto della frase.

Se sei una ragazza inizia così: “Sei la mamma migliore che mi potesse capitare e credo che la mia fidanzata ti piacerà da morire”. Si scioglierà e molto probabilmente vi consiglierà anche da quale parrucchiere portare la tua fidanzata. Note. Ma non ti aspettare che offra lei.

via GIPHY

Quattro. Al tuo migliore amico

Se sei maschio è probabile che sia anche quello di cui ti sei innamorato, quindi diglielo solo se ti sei già trovato un fidanzato oppure se ti vuoi fidanzare con un altro e hai bisogno del suo aiuto.

Sei sei una ragazza non c’è più bisogno di dirglielo perché lo sa già altrimenti non sarebbe mai diventato il tuo migliore amico.

Cinque.  Al nonno/alla nonna

Non dirglielo mentre sta guardando il suo programma preferito.

Potresti dirglielo, invece, mentre aspetta di farsi visitare dal suo medico, così nel caso non la prendesse bene è già lì. Ma vedrai che andrà tutto bene.