Col vento in poppa!

di Redazione Smemoranda

Storie di Smemo
Col vento in poppa!

Ogni nuova avventura porta con se dubbi e insicurezza. Un bagaglio ingombrante, di quelli che ti costringono a pagare una sovrattassa per chili in eccesso e che come resina, rimane appiccicato fino alla partenza. Si, perché fino a che il carello di un velivolo non perde il contatto con la pista, fino a che gli ormeggi non vengono mollati, quel peso rimane tangibile, concreto. Un polo negativo che si contrappone alla voglia di esplorare territori ignoti, un freno superfluo a quella elettricità incontenibile che pervade l’epidermide, figlia della novità e del cambiamento.

Siamo animali in continua evoluzione che hanno bisogno di nuovi stimoli e battaglie per trasformarsi, cambiare pelle ed evitare di crogiolarsi nelle stesse e noiose acque, affogando nella staticità.

Solcare nuovi mari e abbandonare le correnti rassicuranti di casa, superare i propri limiti ed ampliare la propria conoscenza attraverso l’esperienza: questo è l’obiettivo che perseguo da quando sono nato. Ogni tanto fingo di dimenticarlo, prendo delle pause o riduco le mie ore a dei surrogati di quello che è in realtà il mio scopo, ma ritorno volente o nolente a farmi travolgere da quell’inquietudine che mi fa sentire vivo.

Quel sangue impazzito, che mi spinge e mi domina. Procediamo a vele spiegate, COL VENTO IN POPPA, cavalcando le onde e superando gli scogli di chi si porrà in mezzo alla nostra rotta, verso nuovi porti e nuove storie da scrivere.