Come andare in bici in Trentino (e non solo)

di L'Alligatore

Recensioni
Come andare in bici in Trentino (e non solo)

Guida alle piste ciclabili del Trentino – Con itinerari e proposte di viaggio è un libro della Ediciclo Editore che racconta le piste ciclabili presenti in una delle regioni italiane dove si sono sviluppate maggiormente. Strade dove vai solo in bici, lunghe molti chilometri, unite spesso tra di loro. Tratti abbandonati, che hanno ritrovato una nuova vita dopo essere stati nel passato rami di ferrovie, vecchie strade dove prima passavano auto (anche se si stenta a crederlo visto quanto sono strette), vie di campagna tra distese di meleti, vigne e le montagne attorno. E poi i tanti piccoli e grandi laghi a partire da quello di Garda, dove si snodano un sacco di percorsi ciclabili tra il Trentino, Brescia e Verona. Cose da vedere, da viaggiare, da vivere.

Leonardo Corradini e Veronica Rizzoli, appassionati di giri in bici in giro per il mondo (è loro il blog di viaggi http://www.lifeintravel.it/, attivo dal 2007), hanno cercato di selezionarli tutti a partire dalla Ciclopista del Sole, percorso europeo che passa anche nella Valle dell’Adige, collegando il nord-Europa con Bolzano, Trento, Verona e il resto d’Italia. Hanno “sforato” nel bresciano e veronese da una parte, nel bellunese e vicentino dall’altra, seguendo sentieri storici (sia per il ciclismo, sia perché in questi luoghi si è combattuta la prima guerra mondiale). Per ogni percorso indicano i km e il dislivello, i musei da visitare, i piatti da gustare e i vini da bere, i mezzi di trasporto per arrivarci e per spostarsi agevolmente anche con la bici, tipo treni e funivie. 

Iniziamo dal libro. Di cosa si tratta?
In pratica descriviamo 14 piste ciclabili e 17 percorsi di collegamento su strade secondarie che creano una rete di itinerari percorribili in bici su tutto il territorio della Provincia autonoma di Trento. Inoltre abbiamo inserito quattro proposte di viaggio per dare degli spunti al lettore per una vacanza in bici in Trentino.
Come è nato?
L’idea del libro è nata a seguito della pubblicazione sul nostro sito web lifeintravel.it, nel corso degli anni, di alcuni degli itinerari presenti nella guida. Dopo averne raccolti alcuni in un ebook scaricabile gratuitamente abbiamo pensato di terminare il lavoro e proporre una pubblicazione completa e dettagliata che valorizzi anche percorsi “secondari” nel meraviglioso contesto trentino.
Quanto lavoro, dietro al libro?
Il lavoro è notevole in quanto abbiamo percorso e mappato con il GPS tutti gli itinerari proposti, creando una rete ciclabile a maglie strette che attraversi praticamente tutte le valli principali del Trentino.
Perché il Trentino, e non il Trentino Alto Adige?
Queste due province sono sicuramente le più all’avanguardia nello sviluppo cicloturistico del territorio in Italia e contano migliaia di chilometri di percorsi adatti al cicloturismo. Se avessimo unito le due province e lavorato a livello regionale, a nostro parere avremmo dovuto trascurare alcuni territori a favore di altri mentre in questo modo abbiamo potuto essere sufficientemente esaustivi… La guida del solo Trentino è di circa 240 pagine!
E poi non avremmo avuto l’occasione di proporre una guida degli itinerari dell’Alto Adige nel prossimo futuro :).
Avete assaggiato tutte le prelibatezze descritte?
Sì, più o meno. Abbiamo avuto la fortuna di essere nati (Leo) o vissuti per molti anni (Vero) in Trentino e quindi conosciamo piuttosto bene il territorio e le sue specialità eno-gastronomiche. Tra l’altro riteniamo perfetto l’abbinamento bici e cibo, quindi abbiamo voluto fortemente inserire questi consigli culinari per cicloviaggiatori.
Altre regioni/località sulle quali avete scritto o volete dedicare un volume?
Sul sito abbiamo raccontato le nostre storie di cicloviaggi in giro per il mondo, dal viaggio di dieci mesi nel sud-est asiatico alla Nuova Zelanda, dall’Alto Atlante alle Ande, dai Balcani alla Norvegia, dando anche consigli e suggerimenti per seguire le nostre rotte.
Come già anticipato il prossimo volume cartaceo invece sarà quasi certamente dedicato alle piste ciclabili e agli itinerari cicloturistici in Alto Adige, ma in mente abbiamo anche tante altre idee.