Conosci un fumettista? Intervista a Giulio Macaione

di Bao Publishing

Fumetti tra i banchi

conosci-un-fumettista

Giulio Macaione è cresciuto leggendo i manga, ora fa il fumettista e racconta tanti tipi di storie in tante lingue diverse. Secondo noi è qualcuno che dovreste conoscere, noi vi aiutiamo con la piccola intervista che gli abbiamo fatto!

Quando hai deciso di fare il fumetti?

Ho sempre disegnato, sin da piccolissimo, ma la folgorazione è arrivata quando ho visto in TV il primo episodio di Sailor Moon. Avevo 11 anni e quel giorno ho deciso che nella vita avrei fatto i fumetti.

Qual è il tuo tipo di storie preferite?

Non ho un genere narrativo preferito, le mie letture possono anche avere trame molto esili ma se i personaggi sono ben costruiti mi va benissimo. Mi piacciono le storie con dei protagonisti sfaccettati, che mostrano anche le loro debolezze. Non amo invece i personaggi troppo piatti o senza difetti, nei quali è difficile immedesimarsi, oppure le storie epiche con protagonisti poco accattivanti.

Di cosa parla il tuo ultimo libro con BAO?

Il mio ultimo graphic novel con BAO è “Alice di sogno in sogno” (uscito originariamente negli Stati Uniti per BOOM! Studios). È la storia di una ragazzina americana come tante che però ha la facoltà di vivere i sogni della persona che le dorme accanto. Anche suo malgrado, perché non sempre è bello sapere cosa c’è nella testa degli altri! Per di più lei è costretta a condividere la camera con suo fratello maggiore, metallaro appassionato di film horror… Col tempo Alice riuscirà a usare questo suo potere per aiutare il suo migliore amico in difficoltà e risolvere un mistero che lega le loro famiglie.

giulio-macaione

Qual è la tua pagina preferita tra quelle che hai disegnato?

Difficile scegliere, ma se proprio devo forse è questa pagina da “Stella di mare”, il mio libro edito da Bao nel 2018. Mi piace anche perché è venuta esattamente come l’avevo immaginata, con la figura della sirena che sbuca dall’oscurità del mare notturno.

Qual era la tua materia preferita a scuola?

Disegno e Storia dell’Arte. Ho avuto la fortuna di avere delle insegnanti fantastiche che mi hanno anche fatto leggere dei fumetti “da grandi” quando io leggevo solo manga.