Cultural-Shock: in viaggio per imparare a essere straniero

di La Redazione

Recensioni
Cultural-Shock: in viaggio per imparare a essere straniero

 

Se hai un’età compresa tra i 18 e i 25 anni e sei di origini straniere o vuoi conoscere nuovi paesi, questo è il tuo momento: partecipa a Cultural-Shock, il format crossmediale di intrattenimento educativo che dà voce alle nuove generazioni esplorando il tema della cittadinanza globale. Come nelle migliori avventure tutto ha inizio con un viaggio, rigorosamente on the road, che mette alla prova le tue capacità di adattamento. Il budget è limitato – sennò che avventura è! – e ci sono 5 regole da seguire:

1. NO CO2 – Proibiti i voli lowcost, solo autobus, treni e mezzi di trasposto a basso impatto ambientale.
2. NO TAXI – Nessun privilegio, si viaggia come fa la gente del posto, solo mezzi pubblici, meglio se affollati.
3. NO HOTEL – Vietati hotel di lusso, solo B&B a conduzione familiare o ancora meglio ospiti in casa della gente del luogo
4. NO FASTFOOD – Solo cibo locale cucinato in modo tradizionale 5. NO SOUVENIR – Eventualmente avanzassero soldi… solo artigianato locale.

Manco a dirlo, Smemo è partner di Cultural-Shock, e zaino in spalla seguirà moooolto da vicino il percorso dei nostri eroi. Ecco come partecipare: i posti per ogni destinazione sono due, un viaggiatore (di origini straniere) selezionato tra i candidati che sceglierà liberamente tra i profili caricati il proprio compagno di viaggio (di origini italiane). Per candidarti hai tempo fino al 23 novembre: clicca qui, crea il tuo profilo e inserisci un breve video in cui proponi una meta e una missione. Poi invita i tuoi amici a votarti, perché chi riceve più voti… parte! E chi resta attraverso la rete, la radio e la tv, scoprirà la cultura e i valori dei paesi stranieri da cui provengono le principali comunità migranti in Italia. Come? Attraverso un diario di viaggio virtuale in cui i protagonisti racconteranno quest’esperienza indimenticabile condividendo con la community foto, clip video e appunti. Ma questo è solo l’inizio, perché tutto il materiale audiovisivo realizzato durante il viaggio diventerà un nuovo programma TV trasmesso da RAI Scuola e da una rete di WebTv nazionali e una serie di audio-documentari andrà in onda su Radio RAI 3.

In più sulla pagina fb di Cultural Shock trovi Talking hands: il contest settimanale organizzato in collaborazione con la fan page Smemo che chiede ai ragazzi di dire la propria utilizzando lo spazio del palmo di una mano. Le mani più originali riceveranno una SMEMO12 mesi 2013,  la Smemoranda per i “grandi” (si fa per dire…) con in appendice i racconti degli scrittori italiani più amati. Oh, è a quadretti pure questa!