Dalla finestra della mia aula vedo innalzarsi una gru

di Thomas Pololi

Storie di Smemo
Dalla finestra della mia aula vedo innalzarsi una gru

Tema:

“Dalla finestra della mia aula vedo, sullo sfondo di un nuovo edificio, innalzarsi una gru”.

Svolgimento

Guardando dalla finestra della mia aula si può scorgere molto bene un palazzo in costruzione. Vedo alcuni operai che stanno montando una gru: si tratta di un macchinario oggi molto in uso perché è più veloce nei lavori sopportando anche forti carichi, risparmiando così la fatica di non pochi operai. Infatti anni fa le case venivano costruite senza i mezzi meccanici che esistono oggi: gli operai dovevano trasportare a spalla secchi colmi di calcina; file di mattoni che si passavano l’un l’altro; travature e verghe di ferro per armare i pilastri di sostegno. La gru che oggi vedo elimina tutti i lavori (o quasi) dell’operaio. Dove un giorno v’era un campo da gioco è stato messo un recinto e dentro di questo una escavatrice. Dopo qualche giorno vedo che la casa è già in procinto di essere costruita e che qualche operaio, agli ordini degli assistenti ai lavori, sta ergendo un muro. La gru è già in moto per aiutare gli operai a gettare il cemento nelle casseforme per essere armato con verghe di ferro. Dopo un po’ di tempo vedo che la costruzione piano piano sale, supera il recinto per finire con la copertura del tetto; (a questo punto la tradizione impegna tutti gli operai a brindare con un buon bicchiere di vino rosso, mentre una bandiera italiana viene posta su un pennone al culmine del tetto). Si vedono chiaramente i muri perimetrali fissati ai pilastri di sostegno e gli operai che stanno iniziando la costruzione dei vari muri interni. Dopo uno o due mesi il nuovo edificio sarà già pronto ad accogliere le nuove famiglie ed i nuovi negozi. La gru con la sua non silenziosa opera, ha permesso di abbreviare i tempi dei lavori.

Quadernini è un progetto di raccolta pubblica di quaderni delle scuole elementari (e medie), parte del progetto Quaderni Aperti (www.quaderniaperti.it). 

Hai conservato i tuoi quaderni delle elementari? Partecipa al progetto: puoi contattare Quadernini su facebook (www.facebook.com/quadernini) oppure scrivere una mail: info@quaderniaperti.it