L’amore non dura. Neanche nel pop

di Giulia Zavan

Recensioni
L’amore non dura. Neanche nel pop

La storia della musica è piena di gruppi che lasciandosi hanno spezzato il cuore dei fan.

Le ultime in ordine temporale sono state le Fifth Harmony: Normani Kordei, Ally Brooke, Dinah Jane e Lauren Jauregui mettendo in pausa le 5H per inseguire i progetti solisti. Anche se non hanno annunciato una separazione definitiva, i cuori degli Harmonizer si sono spezzati, dopo aver già subito il duro colpo dell’uscita di Camila Cabello dal gruppo nel dicembre del 2016.

Ma se mal comune è mezzo gaudio, i fan delle Fifth Harmony sono sicuramente in buona compagnia, perché la storia della musica è piena di band che, nel pieno del successo, hanno visto i propri membri prendere strade differenti. Ecco sette gruppi che si sono detti addio ma che vorremmo rivedere insieme un giorno o l’altro: l’effetto nostalgia è garantito!

Destiny’s Child

Correva il dicembre 2001, quando Beyoncé disse che il gruppo aveva lavorato duro pubblicando quattro album in quattro anni e che per questo si sarebbero prese una pausa. Kelly Rowland e Michelle Williams si saranno anche riposate, ma Queen Bey no: nel cassetto era pronto “Dangerously in Love”, il suo primo disco da solista che l’ha proiettata nell’olimpo delle superstar. Le Destiny’s Child sono rimaste comunque insieme fino al 2005, quando annunciarono la separazione ufficiale durante un concerto in Spagna.

Eiffel 65

All’ultimo passaggio di David Guetta in Italia, il re dell’elettronica ha ammesso in un’intervista con Warner di non sapere che “I’m Blue” fosse di un gruppo italiano. La hit di Maury, Jeffrey Jey e Gabry Ponte è tutt’ora suonatissima dai dj più famosi, oltre a Guetta citiamo anche Martin Garrix, e sarebbe bello che l’Italia avesse il giusto riconoscimento nel successo dell’EDM di oggi.

NSYNC

Dopo aver venduto 70 milioni di dischi nel mondo, la boy band ha annunciato una “pausa temporanea” nel 2002. Sono passati 16 anni e la campanella non è ancora suonata. Intanto Justin Timberlake è diventato una superstar e ha appena pubblicato il nuovo album “Man of the Woods”.

Articolo 31

Dici anni ’90 e pensi agli Articolo 31. Quando ancora il rap non era mainstream come oggi, J-Ax e DJ Jad hanno diffuso il verbo dello Spaghetti Funk. Nel 2006, inesorabile è arrivata la separazione. Alessandro Aleotti ha lanciato la sua carriera, poi ha fatto squadra con Fedez e dopo il concerto di San Siro 2018 tornerà a cantare da solo. Quando Vito Perrini ha tentato di rimettere insieme i pezzi con Articolo 31 DJ Jad Project, la cosa è finita in mano agli avvocati.

One Direction

Era dai tempi dei Take That che non si spargevano così tante lacrime per lo scioglimento di una band. I 1D sono stati un vero e proprio fenomeno, capaci di trasformarsi da perfetti sconosciuti a popstar in qualche puntata di X Factor Uk. Come le Fifth Harmony, hanno prima perso un membro quando Zayn Malik ha lasciato nel 2015. Un anno dopo la mazzata definitiva, con la pausa per le carriere da solisti. I Directioner invece non si sono mai presi pause e sono sempre pronti a riabbracciare gli One Direction.

Elio e le Storie Tese

Non ci siamo ancora arresi all’idea di dover dire addio agli Elii. Attualmente sono in tour per salutare i fan di tutta Italia, il tempo corre veloce e presto arriverà l’ultimo concerto. Hanno assicurato che non ci sarà mai una reunion, ma di sicuro Elio e le Storie Tese sono un gruppo che vorremmo sempre vedere insieme!

Spice Girls

Le cinque reginette del pop hanno da poco annunciato la reunion, ma non si tratterà di musica: ecco perché le trovi comunque in questa rassegna. Dopo aver acceso le speranze dei fan, Mel B, Emma, Victoria, Mel C e Geri hanno spiegato che non canteranno, ma che si occuperanno di altri progetti insieme (si parla di tv e cinema). L’esibizione alla cerimonia di chiusura delle Olimpiadi di Londra resterà l’ultimo ricordo di una performance musicale delle Spice Girls.