Election days

di Trio Cantù

Storie di Smemo
Election days

Domenica si vota per i nuovi deputati e senatori. Una domanda sorge spontanea: perché ci sono così poche novità tra i partiti politici? Insomma, sempre le stesse facce. Forse c’è dietro un complotto? Giudicate voi: abbiamo scovato i partiti che non sono riusciti a scendere in campo… ecco cosa vi siete persi: 

Partito dell’estrema sinistra veramente estrema
Un partito talmente tanto a sinistra che arriva a sfiorare la destra, qualche passo più in là e li puoi considerare dei nazisti. I loro comizi durano 6 minuti, dopodiché cominciano a partire le molotov verso il palco. Peccato non li abbiano fatti partecipare alle elezioni, le votazioni in parlamento sarebbero state certamente meno noiose di quelle attuali.

Partito Monarchico per il ritorno dell’Imperatore
Sono a favore della monarchia, ma non vogliono il ritorno del re. Vogliono l’arrivo di un imperatore. Considerando che ogni volta che andiamo a votare poi ci lamentiamo delle persone che sono state elette, pensare che il proprio signore e padrone sia stato designato direttamente da Dio ci solleva almeno da alcune responsabilità.

Partito delle tartarughine
Un programma politico semplice e preciso: difendere le tartarughine. Non gli interessano l’economia, la politica estera, la politica interna, l’esercito, le pensioni. Loro vogliono solo che le tartarughine stiano bene.

Forza Nuovissimissima
Fascisti nel sangue, però molto glamour. Indossano anfibi tempestati di Swarosky, bomber di seta e si radono i capelli solo da Jean Luis David. Anche se fascisti sono innocui perché negli scontri hanno sempre paura di rovinarsi la manicure e quindi picchiano molto, ma molto piano.

Partito Troppo Democratico
Prendono le decisioni solo all’unanimità perché sono troppo democratici, ma poiché sono 43.892 iscritti non sono mai riusciti a prendere una decisione che fosse una.
Stanno ancora discutendo sullo slogan e sul simbolo da mettere sui manifesti
Va bene la democrazia, ma qui si esagera!

Comunque nel dubbio noi VOTIAMO CICCIO&FLAVIA: