Esci il reclamo che lo risolvo

di Massimo Vitali

Storie di Smemo
Esci il reclamo che lo risolvo

mi piacerebbe, per garantire rapidità a determinate azioni, che i verbi entrare e uscire fossero transitivi.

Esempio: “Esco la carne dal frigo”. Oppure: “Entro la macchina in garage”. Ma anche: “Esci la bambina che la giochi”. O peggio, una volta di fronte a una donna arrogante e nuda:  “Esci sto guerriero”.

Potreste intercedere con l’Accademica della Crusca perché questo increscioso difetto della lingua italiana possa venire definitivamente risolto?

Qui dove vivo io sembra che non interessi a nessuno.

Grazie per l’attenzione,

Nino Lo Murno

***

Caro Nino,

immaginiamo l’imbarazzo che la tua origine smaccatamente inglese possa nutrire nei confronti di una lingua talvolta arrogante e nuda come riesce a essere solo un’endemica parte d’Italia.

Come avrai capito, Ufficio Reclami è strettamente collegato all’Accademia della Crusca a cui abbiamo prontamente girato la tua richiesta, ricevendo in cambio una risposta in latino.

Siccome il latino non lo ricordiamo più, allora abbiamo usato un ottimo traduttore online. Ecco il risultato:

“L’acero palmato è un piccolo albero, appartenente al genere acero, originario dell’Asia, dove viene coltivato come pianta ornamentale da secoli; ha dimensioni contenute e in genere non supera i 6-10 m di altezza. Il fogliame è profondamente lobato e di colore vario. Ecco perché, grazie al decreto Milleproroghe, non solo i verbi “entrare” e “uscire” sono diventati a pieno titolo transitivi, ma si potrà anche seguire con gli occhi un airone sopra il fiume e ritrovarsi a volare, sdraiarsi sopra l’erba ad ascoltare un sottile dispiacere, passare con lo sguardo la collina per scoprire dove il sole va a dormire, domandarsi perché, quando cade la tristezza in fondo al cuore, come la neve non fa rumore, e infine, guidare come un pazzo a fari spenti nella notte per vedere se poi tanto difficile morire.”

Sperando di esserti stati d’aiuto e ricordandoti che le emozioni della lingua italiana vanno preservate come il tè delle cinque a Londra, nove e mezza per chi beve da Bari, l’occasione ci è gradita per porgere cordiali saluti.

Ufficio Reclami ufficioreclami@smemoranda.it

Massimo Vitali