Fable 2

di Michele R. Serra

Recensioni
Fable 2

Di solito, i giochi di ruolo si dividono in due categorie. Ci sono quelli con una trama piuttosto esile, ma stracolmi di oggetti, numeri e di tutti gli altri ammennicoli tipici degli RPG, oppure quelli che hanno una storia spessa, ma praticamente non ti fanno giocare, ma solo guardare. Praticamente, da una parte avete la roba tipo Baldur’s Gate, dall’altra Final Fantasy. Poi esistono i giochi che cercano di trovare il giusto mezzo fra quei due approcci, come ad esempio Fable 2.

In Fable 2 c’è una storia degna di questo nome, una favola intricata al punto giusto e piena di colpi di scena. In più però Fable 2 contiene davvero un sacco di idee nuove e interessanti. Ad esempio, l’intero gioco è basato sulle scelte morali: cioè in pratica dovete decidere se essere buoni e altruisti oppure fregarvene di tutto e tutti tranne che di voi stessi. Le scelte compiute ovviamente influenzeranno lo sviluppo della storia e del vostro personaggio, con vantaggi e svantaggi. E non è detto che, nel corso del gioco, non vi pentiate delle vostre scelte…

L’aspetto sociale è piuttosto sviluppato, in Fable 2. Anche se non ci troviamo di fronte a qualcosa tipo The Sims, avrete la possibilità di fare affari, avere amici e nemici, fare innamorare le donne o gli uomini, e poi avere mogli o mariti e figli. Qui diciamo che il gioco è consigliato ai maggiori di 16 anni, ma non perché sia particolarmente violento, quanto perché contiene qualche situazione adulta: ad esempio, se trovate una ragazza o un ragazzo, potete decidere di fare sesso. Se decidete di no, potete accontentarvi di divertirvi con il vostro cane, che vi segue fedelmente in tutte le vostre avventure, e vi aiuta in un sacco di cose.

Fable 2 è un bel gioco di ruolo dall’impostazione molto originale. Sarebbe perfetto se solo avesse una maggiore abbondanza di particolari, ad esempio più nemici diversi e più oggetti da usare.