Facce nuove tra i deputati

di Trio Cantù

Storie di Smemo
Facce nuove tra i deputati

 

Nei prossimi giorni ci sarà la prima riunione del nuovo Parlamento, ma chi sono questi che andranno a decidere della nostra sorte?

Il Trio Cantù, in anteprima, è andato a conoscerne alcuni…

Giovanni Codeluppi: Operaio metalmeccanico, 31 anni, ha la licenza elementare conseguita sul sito internet www.elementariperignoranti.it e delle evidenti difficoltà con l’italiano. Famosa la sua dichiarazione: “Se sarei eletto, facevo delle cose belle”. Gli è stato fornito un insegnante di sostegno per la prima seduta della Camera.

Marta Fulgenzi: Cantante lirica, 46 anni. Parla pochissimo, canta sempre. Ha chiesto di poter effettuare i propri interventi cantando sull’aria dell’Aida. Dovrà allegare alle proprie comunicazioni anche uno spartito, ci si sta attrezzando per farle avere un quartetto d’archi al posto dei portaborse.

Simone Limone: Perseguitato dal proprio nome e cognome, si è candidato soltanto per una questione di riscatto dopo anni di soprusi. Non ha ancora capito però che “Onorevole Simone Limone” fa ancora più ridere, se ne accorgerà a breve.

Marisa Saltalamacchia: 98 anni, ha deciso di lanciarsi in questa nuova avventura nonostante la veneranda età. Spera che il Parlamento si riunirà al più presto, anche perché non si sa se ci arriva a metà Marzo, e il suo motto è “Il gioco è bello quando dura poco”. Pochissimo, nel suo caso

Joseph Ratzinger: Rimasto disoccupato, ha voluto cercare un’altra occupazione nella quale si lavorasse pochissimo e si guadagnassero un sacco di soldi. L’ha trovata.

Salvatore Caminiti: Insegnante elementare, operatore in un call center, spazzacamino, impiegato di concetto, lavavetri ai semafori, cantante di pianobar, postino, portinaio, bagnino, cameriere, ricercatore all’università, dog sitter, acrobata, tutto contemporaneamente. Ha dichiarato che non lascerà i suoi lavori precedenti e si batterà per ridurre l’orario di lavoro, oppure per aumentare le ore della giornata da 24 a 32.

Sergio Calopresti: ha accompagnato a un comizio un suo amico che era candidato veramente, hanno preso lui. Tipo quelli che accompagnano gli amici attori ai provini, e poi prendono loro.