Facciamola finita

di Redazione Smemoranda

Recensioni
Facciamola finita

Se Seth Rogen e i suoi amici hanno ragione, la fine del mondo non sarà solo un insieme di catastrofi naturali capace di determinare l’estinzione della razza umana, ma una vera e propria apocalisse, con tanto di diavoli e manifestazioni divine.
Ma dato che stiamo parlando di una commedia americana lo scenario apocalittico è ben accompagnato da una sana e abbondante dose di battute volgari, linguaggio scurrile e situazioni disturbanti.

Per la prima mezz’ora, Facciamola Finita dà l’impressione di essere un film realistico: tutti gli attori, da Seth Rogen a James Franco, Jonah Hill e Jay Baruchel recitano nel ruolo di loro stessi, così come i diversi attori e cantanti che si prestano ai numerosi cameo, come Emma Watson, Rihanna, Channing Tatum e i Backstreet Boys. E dato che stiamo parlando di giovani adulti di successo che vivono a Los Angeles, li ritroviamo tutti quanti in un’enorme festa, simile a quelle di una qualsiasi confraternita universitaria americana, ma con più gente famosa.

Però, poi. Nel bel mezzo della festa, all’improvviso, la situazione precipita: potrebbe essere un’invasione aliena, un’apocalisse di zombie, la fine dei giorni… i protagonisti non sembrano capire di cosa si tratti, oppure sono semplicemente troppo fatti per riuscirci. Solo dopo aver visto morire molti degli invitati alla festa, i superstiti cercano di organizzarsi al meglio per sopravvivere. Decidono che la cosa migliore da fare è senza dubbio barricarsi in casa, dividersi le scorte di cibo (e droga) e perdere il tempo che rimane in banalità, ad esempio discutendo a lungo su chi avrà il diritto di aggiudicarsi l’unica barretta al cioccolato rimasta. Tanto, anche i grandi attori sono indifesi e impotenti di fronte alle fine del mondo.

Il risultato è un mix tra film tragico/catastrofista e film comico/scandaloso, pieno di scene grottesche e surreali e molto divertenti. Anche se poi, a pensarci su… Dicono che ridere fa bene, ma nessuno specifica mai che cosa dovrebbe far ridere: se si tratta di Channing Tatum tenuto al guinzaglio come un cagnolino dal padrone Danny McBride, possiamo ridere o no? Ma sì, dai.