Fairytale Fights

di Michele R. Serra

Recensioni
Fairytale Fights

 

Da piccoli, a tutti piacciono le favole. Però poi, appena cresci un po’, i personaggi delle fiabe che prima amavi… bé, inizi ad odiarli. Ammettiamolo, tutti abbiamo desiderato vedere quell’ irritante Cappuccetto Rosso (“Ma che orecchie grandi che hai“, “Ma che occhi grandi che hai“, “Ma che naso grande che hai“. Aaargh!) fatta a pezzi e mangiata dal lupo, finalmente. Altro che cacciatore, sono contro la caccia.
Che condividiate o no l’odio nei confronti di Cappuccetto – o Biancaneve e i suoi nanetti da giardino, o quell’altra sfigata di Cenerentola – bisogna ammettere che non è male, l’idea che hanno avuto i creativi della Playlogic, software house olandese. Hanno sfornato un classico picchiaduro/hack ‘n’ slash a scorrimento, cioè per intenderci un figlio dei vecchi Double Dragon, Final Fight, Ninja Gaiden (i figli degli anni Ottanta capiranno) i cui protagonisti sono proprio i personaggi delle favole. Che però, per l’occasione, diventano assassini assetati di sangue.

Il concept, insomma, è abbastanza semplice: scegliete uno dei personaggi e iniziate a esplorare il mondo della fiabe, massacrando qualsiasi nemico vi si pari davanti. Potete scegliere Cappuccetto Rosso, La Bella Addormentata oppure l’imperatore della favola I vestiti nuovi dell’imperatore. Ve lo ricordate? Era quello che, convinto di indossare il vestito più raffinato del mondo, si presentava nudo davanti ai suoi sudditi. Ogni personaggio è ben caratterizzato, molto sul genere super deformed dei fumetti comici giapponesi: corpo piccolo e testa gigante. La grafica fumettosa e carttonesca è davvero molto divertente da vedere.
Poi, gli sviluppatori hanno giocato molto sul paradosso: trasformare i personaggi delle fiabe in spietati serial killer è un’idea forte, ma il tutto diventa ancora più godibile grazie ai tocchi di humour nero disseminati lungo il corso del gioco. Fairytale Fights è insomma certamente un prodotto vincente, per l’originalità del concept e l’ironia che lo contraddistingue.

Peccato solo che, come molti videogame di questo tipo, soffra di una certa ripetitività nella meccanica di gioco: la scarsa profondità dei combattimenti abbassa molto il tasso di rigiocabilità.

Fairytale Fights
Playlogic
PS3, Xbox 360