Fiorello in tour

di Giovanna Donini

Recensioni
Fiorello in tour

Fiorello è l’uomo che, in due anni di tour, ha registrato oltre 800 mila spettatori, di cui 130 mila solo a Roma, dove è tornato per ben 16 volte. Chi ancora non fosse riusito a vedere il suo spettacolo dal vivo potrà farlo il 7 giugno ad Arezzo, allo Stadio Comunale, il 16 giugno a Cattolica all’ Arena della Regina e il 19 giugno a Udine, allo Stadio. Poi, crediamo che Fiorello andrà (radio a parte) per un po’, in vacanza. Rosario Tindaro Fiorello è l’uomo dello spettacolo, lo showman italiano (per dirla come si usa), che sa ballare, cantare, imitare, recitare, improvvisare. Sul palco sa fare tutto. In radio fa di tutto. In tv riesce a fare andare bene tutto. Colleziona record di ascolti assoluti ovunque va e qualsiasi cosa faccia. Lo spettacolo che sta portando in giro dal titolo “Volevo fare il ballerino… e non solo!» è meravigliosamente “esagerato” .

Battute, imitazioni, perfino rivistazioni di “Otello” in chiave comica. Questa volta con lui sul palco non c’è la spalla Marco Baldini, ma il maestro Cremonesi e la sua band e Fiorello sforna e inventa nuove imitazioni come quella, immediatamente divenuta un successo radiofonico, di Federico Moccia, il fortunato autore di “Tre metri sopra il cielo”. Rosario sembra proprio essere riuscito a realizzare tutti i suoi desideri e in questo spettacolo è riuscito perfino, come sognava di fare da piccolo, a ballare il flamenco. Non è per niente un caso se Fiorello è, inoltre, il vincitore dell’ambito premio Telegatto 2007 come «personaggio dell’anno».