Francesca Lago Mirrors against the sun

di L Alligatore

Recensioni
Francesca Lago – Mirrors against the sun

Gran ritorno per Francesca Lago con questo gioiellino, ”Mirrors Against the Sun”, disco che sale pezzo dopo pezzo, ascolto dopo ascolto. Sembra di andare in montagna, con l’aria rarefatta, ascoltare qualcosa di diverso. Dieci canzoni rock dal lungo respiro internazionale. Produzione Leziero Rescigno (La Crus, Amor Fou), registrazione Max Lotti (i due hanno pure suonato in alcuni brani), pensieri e azioni – sicuramente – Francesca Lago.

”Mirrors Against the Sun” sono specchi orientali, che rimandano luccichii accecanti, gli stessi che mi impediscono di preferire un pezzo a un altro, tale e tanta è l’accumulazione di emozioni. “The Desert”?… filmica e sbilenca, con la chitarra di Rescigno e una coda esplosiva (non la mia, quella della canzone). “Horses”? Finale strano, ma bello, come tutto il cd. “Out in the blue”? Piano e malinconia (nella voce, nelle parole, nel modo di pronunciarle). “DNA”? Pop senza tempo, intenso e delicato come il violoncello che l’accompagna. “Where do we go”?, gran ritmo e atmosfere dark, e i lupi… bel modo di iniziare (è la sua preferita, non a  caso).

La copertina in bianco e nero, tenebrosa e incomprensibile (ermetica?), classica e no, si adatta perfettamente all’album: affascinante, indefinibile, maledettamente rock!