Stelle o sparo, il nuovo fumetto di Nova

di Martina Mozzati

Recensioni
Stelle o sparo, il nuovo fumetto di Nova

Il fumetto è una delle tradizioni del nostro paese, che con i suoi disegnatori ogni giorno da tantissimo tempo accompagna vecchie e nuove generazioni. il nuovo prodotto editoriale di Bao, tra le più importanti case editrici italiane che si occupa di fumetti, è “Stelle o sparo”. In poche parole un fumetto che parla delle paure della nostra generazione, dell’adolescenza come fase critica della propria vita in cui le domande sono più delle risposte.

140 pagine tra sogno e realtà, un viaggio nello spazio e nel tempo in compagnia di due personaggi principali: Stella e Ed, due amiche dai tempi dell liceo. Personalità profondamente diverse, le due amiche si completano. Forse è per questo che sono amiche. E partono. Il racconto si concentra sul loro viaggio in una piccola isola greca, così piccola che in poco tempo conoscono gli abitanti (straordinari e mooolto particolari!). Trovano il loro angolo di spiaggia e soprattutto ricercano se stesse. Soprattuto Stella, che tra le due è la più complessa, nervosa, aggressiva, critica nel confronto del mondo. Stella ha molta paura e da sempre reagisce isolandosi: verrebbe da pensare che un viaggio su un’isola non possa che peggiorare la questione. E invece no, perchè come dice Stella: 

Secondo me, se ti cerchi in un posto piccolo
magari ti trovi.

 

Nel silenzio, nella semplicità, nell’autenticità di chi vive sull’isola Stella conosce se stessa e scopre l’affetto grazie all’amicizia con Cosmo, un piccolo orfano di dieci anni che passa il tempo riparando oggetti e costruendone di nuovi con i resti che trova. Costruisce, proprio come cerca di fare Stella. Costruire la sua personalità unendo i puntini, le piccole parti, accettandosi come un tutt’uno prendendo coscienza delle proprie paure, concedendosi le emozioni che ha sempre rifiutato. 

 

Poche cose sono certe in questo fumetto, tutto è oggetto di interpretazione personale. Di certo c’è che “Stelle o sparo” l’ho letto tutto d’un fiato. E certamente è un libro che fa riflettere.