I gatti persiani

di Paola Lezzi

Recensioni
I gatti persiani

Il film di Ghobadi, infatti, racconta il forte desiderio di due ragazzi iraniani di esprimere le loro opinioni attraverso la musica. Il loro tentativo di formare una band musicale incontra i divieti e le proibizioni del governo e sapendo di non avere alcuna possibilità di esibirsi a Teheran, pianificano una fuga in Europa con passaporti falsi.

Il regista, che durante le riprese è stato arrestato due volte, ha girato con grande coraggio in meno di venti giorni, senza autorizzazioni e con un gruppo di ragazzi che aveva in tasca il passaporto per fuggire alla fine delle riprese. Ha potuto così offrire un ritratto di una Teheran nascosta in cui i giovani cercano di resistere come possono a un sistema politico che proibisce anche di fare musica.

“Ho voluto fare un’opera – ha detto Ghobadi in un’intervista – che si distanziasse dall’estetica della nostra cinematografia, parlando di qualcosa che per me è molto importante, la musica. Una finestra sulla libertà che viene sempre più a mancare e l’antidepressivo più potente che conosca.”

www.igattipersiani.it