Racconti di Smemoranda 2002


  • Due poesie

    di Alda Merini

    Volpe, assurda signora della terrasenza tentacoli né predecon il solo fogliame della bugiamadre che non hai mai dormitosapresti darmi la vellutata immaginedi una donna che non è mai sazia di […]

    Leggi +
  • Il quarto problema

    di Paola Mastrocola

    In genere, lo sai, passo le giornate aspettando che lui telefoni. Non mi muovo di casa perché potrebbe sempre telefonare. A volte telefona alle undici di sera, a volte a […]

    Leggi +
  • Icaro

    di Francesco Guccini

    Gli autocarri lasciavano la statale e scendevano ciondolanti la strada sterrata, fino al greto. Là il cassone si alzava pigro e scaricava i rifiuti della città, in piramidi irregolari, a […]

    Leggi +
  • L’altra

    di Gino&Michele

    Quando tornai Caterina non c’era. Ero sicuro che l’avrei trovata lì, al solito. L’avevo salutata con lo sguardo un’ora prima, ci eravamo abituati così da quando avevamo incominciato a frequentarci, […]

    Leggi +
  • Anche i maschi partoriscono

    di Tiziano Scarpa

    Sto aspettando il mio primo bambino. Sono incinta di otto mesi, e sono molto preoccupata. Una non ci pensa, al parto, finché non è incinta. Quando meditavo sul parto in […]

    Leggi +
  • Arrivi e partenze

    di Gaetano Neri

    Istinto Stavo finendo la minestra quando un motociclista mi è cascato nel piatto. La reazione istintiva è stata d’inghiottirla prima che scappasse. Forse ho sbagliato a non masticarlo perché adesso […]

    Leggi +
  • L’altro capo del filo

    di Raul Montanari

    Con il caldo che fa oggi, figurati se non va anche a guastarsi l’ascensore. Faccio i quattro piani con una gran voglia di togliermi le scarpe, i dannati tacchi a […]

    Leggi +
  • L’Acquario di Genova

    di Aldo Nove

    Viaggiare è una cosa bellissima, piace a tutti perché il mondo è così pieno di posti da visitare che nessuno può sottrarsi al fascino della scoperta di un luogo nuovo, […]

    Leggi +
  • (luna compresa)

    di Tiziano Scarpa

    Arriva sempre il momento in cui la gente mi domanda che mestiere faccio, e allora intorno a me si scatena il putiferio. C’è chi fischia ed emette ululati di giubilo. […]

    Leggi +
  • Il treno per Neuquén

    di Laura Pariani

    “I treni hanno qualcosa a che vedere col principio e con la fine” dice Stanlio al grassone, a un certo punto del romanzo Triste, solitario y final di Osvaldo Soriano. […]

    Leggi +
  • Gli Americanti

    di Beppe Severgnini

    Queste pagine sono state scritte sopra l’Atlantico, a bordo di un volo di ritorno dagli Stati Uniti, tra i detriti di un pasto aereo che la hostess si rifiuta di […]

    Leggi +
  • Una visita a casa Lussu

    di Silvia Ballestra

    Si era in giugno, una mattina della seconda metà di giugno. Joyce era scomparsa da più di un anno ma, sulla prima pagina della mia agenda di quel Duemila, il […]

    Leggi +
  • Il posto dove nasce la nebbia

    di Enrico Brizzi

    C’erano una volta tre ragazzi, tre amici che amavano la musica di Television e Jane’s Addiction. Se la memoria non m’inganna, giurerei che i nomi dei tre amici erano Giancloro, […]

    Leggi +
  • L’economia dell’altro mondo

    di Maurizio Milani

    Nel tribolato mondo dell’economia, per chi vuole rischiare zero, conviene fare le obbligazioni. È un investimento che tutela il capitale. L’obbligazione è un prestito che tu fai a qualcuno. Esso […]

    Leggi +