Racconti di Smemoranda 1998


  • In fede, amen

    di Piero Pelù

    INVIDIASe uno ce l’ha vuol dire che se la merita, sarà sempre insoddisfattoperché la sua gioia nasce dagli errori degli altri, perdendo di vistai propri limiti. L’invidioso ha sempre un […]

    Leggi +
  • Le scarpe del Conte

    di Roberto Benigni

    Il Cioni cerca vanamente di infilarsi un paiodi scarpe che gli stanno troppo strette. Cioni:Caro Conte Serristori, te tu ‘un facevi niente e io ti davo mezza roba:mezzo grano, mezzo […]

    Leggi +
  • Leggere le avvertenze

    di Walter Fontana

    Dando per scontato che i cattivi pensieri vengonosolo alle persone buone (a uno che di mestiere fa per esempio il boia, sipuò onestamente andare a chiedere: le capita mai di […]

    Leggi +
  • A casa di Irene

    di Sergio Sacchi

    Giro giro tondosprofondati in fondoa una cittànel buio senti sussurar:“Piva, Piva, l’oli d’olivaoilì oilì oilàe la lega crescerà”Le mie mani su di tesull’affannoso petto:ogni diletto e gioconel pensier mi fingoove […]

    Leggi +
  • Sensibile e romantico

    di Maurizio Milani

    IIeri ero al ristorante con il mio portinaio, quando sento al tavolo di fiancoquesto bel ragionamento tra cameriere e cliente:“Come secondo cosa gradisce?”“Un’orecchia di toro.”Io, dopo un attimo di sbandamento, […]

    Leggi +
  • Caro M.

    di Paolo Mereghetti

    Cosa sono davvero i “cattivi pensieri”?Non parlo dei sogni piùo meno proibiti che ognuno si trova a inseguirenegli anni, con cui si augura il peggio a chi ci ha rubato […]

    Leggi +
  • Tetris

    di Ivano G. Casamonti

    Una volta c’era la “Weltanschauung”,la “Visione del Mondo”. In epoca di post-modernità, essa non è più di moda, in quanto costruzione ideologica. I post-moderni odiano le ideologie. In effetti odiano […]

    Leggi +
  • Cattivi pensierini

    di Stefano Bartezzaghi

    EsercizioPrendete la parola cattiveria. Scrivetela con alcune vocali in maiuscolo:cAttIvEriA. Scambiate le posizioni di queste vocali: troverete delle cIttàvAriE. La cattiveria viene in città: le campagne varie sono invecebuone (Strano: […]

    Leggi +
  • Latinorum

    di Caterina Sylos Labini

    Invectiva macaronica contra malam educationemquotidianam.O carognissima atque racchissima condòmina, qui habitas suprameum càpite, tu, qui cotìdie, ora sexta matutina, tum-tumtum-tum, cum zòccolis lìgneis maximo scalpitìo me èxcitisex placido somno, et, […]

    Leggi +
  • Lascio liberi i pensieri

    di Daniele Silvestri

    Pensieri miei restatevi un momentocosicché io vi possa rimiraree in questo fermo-immagine tentaredi stringervi in un mio ragionamentoMi dicono gli amici smemoratiche qua proprio di voi dovrei parlarescegliendo poi, però, […]

    Leggi +
  • Sto da Dio

    di Enzo Iacchetti

    Penso che Dio quando dorme nei suoi cieli immensi(Dio dorme molto perché ormai il “grosso” l’ha fatto) lofaccia quasi sempre sdraiato sopra l’Italia.Mi dispiace per le altre nazioni, ma penso […]

    Leggi +
  • Attenti al cane

    di Fabio Fazio

    Una volta ho pensato di calpestare le aiuole; di staccare con un morso l’orecchio a quel commercialista che abita sul mio pianerottolo e di fare la pipì sulla macchina nuova […]

    Leggi +
  • Primo giorno di scuola

    di Jovanotti

    Cherubini! presente!a cosa sta pensando?a cosa pensa eh mentre sto parlando?al rap alla musica oppure è innamorato?me lo dirà dopo che l’ho interrogato!adesso lei mi fa un elenco dei paesi […]

    Leggi +
  • Il Grande Max

    di Valerio Peretti Cucchi

    I ragazzini del quartiere si davano un gran daffàre per sbirciare sotto il tendone del circo con la stessa complicità adolescenziale con cui avrebbero sbirciato sotto le gonne delle loro […]

    Leggi +
  • Vivere

    di Gabriele Salvatores

    Stare sdraiati senza far niente a sentire ilsole che ti scalda: è primavera e l’erba cresce da sé Io nonappartengo a nessuno e nessuno appartiene a me Appartenenza, mio, tuo […]

    Leggi +
  • Penso dunque (chi) sono (?)

    di Gemelli Ruggeri

    Chi è quell’uomo che mi viene incontro,e perché mi saluta quando siamo ancora così lontani l’unodall’altro?Se mi conosce a tal punto da salutarmi a questa distanza, perchénon lo riconosco e […]

    Leggi +
  • Rime baciate

    di Lella Costa

    Ma poi, ci crediamo davvero all’idea di “cattivo pensiero”?Ne siamo convinti, sicuri – che non siano poi solo “atti impuri”?C’è stato il pensiero banale di uno storico gruppo musicaleche chiuso […]

    Leggi +
  • Ti penso

    di Lucio Dalla

    I cattivi pensieri normalmente girano di notte nei cieli delle grandi città oppure finiscono negli ombrelli aperti delle vecchie, quelli neri con le punte in ferro bianco, o li trovi […]

    Leggi +
  • Il condominio

    di Gioele Dix

    Io mi trasformo. Sì, mi trasformo. Iosono una persona normale, ma a volte mi trasformo.Eppure, io ho tutto per essere normale, lei mi conosce da anni! Io sonoun cittadino della […]

    Leggi +
  • Vorrei avere un cattivo pensiero

    di Aldo, Giovanni e Giacomo

    Una delle prove piùardue dell’esistenzaè sapersi negare.E non tanto nel senso di sottrarsi alla possibilità di commettereun delitto, intascare una tangente o peggio ancora partecipare allegramentead uno stupro. Voglio dire […]

    Leggi +