Racconti di Smemoranda 2009


  • Innamorati a Milano

    di Emidio Clementi

    Il regista è steso sul letto in una stanza d’hotel nel centro di Milano. Quattro piani più in basso lo scrittore si sta facendo annunciare dal portiere. Lo scrittore sale […]

    Leggi +
  • La zuppa del supermercato

    di Ascanio Celestini

    Io mangio la zuppa del supermercato.Cioè, io mi chiamo Robertino Casoria e sono un bambino di 9 anni. Però anche io mangio la zuppa del supermercato.Una sera mia madre ha […]

    Leggi +
  • Quand’è che ti senti più sola?

    di Rossana Campo

    Prima, mentre ero sulla metro, mi è venuto in mente di tirare fuori le manette che ho comprato e provare ad agganciare i polsi di due ragazzi che si stavano […]

    Leggi +
  • Una piccol proroga

    di Sandrone Dazieri

    Quando la sua agente si avvicinò al tavolo del ristorante, Stefano Fabbrica resistette all’impulso di scappare.  “A che punto sei?” gli chiese sedendosi.“Uhm. Ciao. Come stai?”Lei lo guardò storto. “Male. […]

    Leggi +
  • Negher

    di Piero Colaprico

    Ragazzi, ehi! Ragazzi!Smettetela di scherzare, porca vacca. Oh, Pirovano! Collega! Non mi sentono, non mi sentono, quei bastardi! Bastardi, teste di cappero, ma adesso si accorgono, dai, ora fermano e […]

    Leggi +
  • Prolegomena a “Vita quotidiana a Bologna ai tempi di Vasco Rossi”

    di Enrico Brizzi

    All’inizio non c’era Nord e non c’era Sud.Non avevi idea delle differenze fra un paese e una metropoli, non sapevi da dove arrivassero le voci dei cantanti che uscivano dallo […]

    Leggi +
  • Pari

    di Michela Murgia

    Sara accavalla le gambe lasciando salire di due dita la gonna azzurra sul ginocchio, velato da una philippe matignon da occasioni speciali. L’uomo davanti a lei non da cenno di […]

    Leggi +
  • Squali in bicicletta

    di Raul Montanari

    La ragazza esce dalla Standa in piazza Diocleziano e si incammina su per via Mac Mahon, una delle pochissime strade di Milano che vanno in salita. È una cosa mai […]

    Leggi +
  • Il grande faggio

    di Gino&Michele

    No, nella “Casa dei Ciliegi” nessun ciliegio. Non ne ho trovata traccia  in alcuna delle mille fotografie recuperate negli archivi dello studio-libreria. Quasi duecento anni di storia, le molte generazioni […]

    Leggi +
  • Il tempo dell’amore

    di Chiara Gamberale

    Si conoscono a una cena pre-elettorale, dove tutti e due sono stati trascinati. – Va bene, l’elaborazione di un rapporto che è andato a puttane è come quella di un […]

    Leggi +