Racconti di Smemoranda 2016


  • Ci lasciavamo ogni quarto d’ora

    di Guido Catalano

    Sei affusolatasei morbida appuntitamangi poconon piangimi dici che io e tenon potremmo mai far sesso frettoloso di notte nei portoni con le autoreggenti e i tacchiperché non arrivereidove dovreiarrivare.E c’hai […]

    Leggi +
  • Il ladro

    di Sandrone Dazieri

    Sua moglie si agitò. – Stephen. – Borbottò, per nove decimi già addormentata. – Vieni a letto, che è tardi. Lui non si voltò neppure, ma depose uno straccio sulla […]

    Leggi +
  • Semola

    di Chiara Gamberale

    Da bambina ero allergica a tutto. Alle graminacee, al latte, al lievito, alle fragole, al sole. Se mia madre e mio padre litigavano, fosse pure per chi doveva portare giù […]

    Leggi +
  • Evening wind

    di Gino&Michele

    Devo ammettere che mi secca un po’ vivere dentro a una città senza vento. A volte, se ci penso anche solo per un attimo, è come se mi mancasse qualcosa […]

    Leggi +
  • Dal fondo del lago

    di Raul Montanari

    Il vecchio sale per primo. Infila gli scalmi nei loro buchi, poi i remi negli scalmi. -Vieni su,- dice, e io scendo dalla sponda con un saltello che fa rollare […]

    Leggi +
  • La legge di Jante

    di Michela Murgia

    La prima volta che mi accorsi che qualcosa non andava nel mio modo di comportarmi tra i danesi avevo quattordici anni, mi ero trasferita a Copenhagen da cinque e seguivo […]

    Leggi +
  • Com’era bello davvero il medioevo (San Francesco e la stella cometa)!

    di Aldo Nove

    Aldo NoveCom’era bello davvero il Medioevo (San Francesco e la stella cometa)! Un grandissimo era San Francesco, che ha inventato il presepe (durante il Medioevo, quando tutto era medioevale e […]

    Leggi +
  • Tre storie d’amore e di rabbia

    di Tiziano Scarpa

    Un pisello enorme Avevo un pisello enorme. A sette anni non capivo perché lo chiamavano “pisello”, addirittura “pisellino”: guardavo una di quelle palline verdi, la prendevo in mano fra due […]

    Leggi +
  • L’imbroglio

    di Marina Terragni

    Maryan in cucina. -Una parola, mamma…-Hasna sta pelando le patate. -Tu lo sai. Sono una brava studentessa. Faccio tutto quello che devo. Lo studio. La politica. I giovani studenti somali.–Certo, […]

    Leggi +
  • Il suonatore di genis

    di Andrea Vitali

    Non vedevo il suonatore di genis da dieci, quindici anni e forse più. Probabilmente da quando s’era sposato e se n’era andato a metter su casa, seguendo moglie e lavoro, […]

    Leggi +