Il Geometra Ultimi

di L'Alligatore

Recensioni
Il Geometra – Ultimi

Guardate questa copertina dalle faccette colorate. Si ripetono in maniera costante: sono allegre e incazzate, sorridente e malinconiche, buffe, strane, comuni, riconoscibili. Sono come le canzoni del disco d’esordio de Il Geometra, intitolato ”Ultimi” come quelli a cui è dedicato. Le undici canzoni si susseguono come le faccine della cover, lasciando la stessa sensazione nelle orecchie.

Guardando, ascoltando, notiamo l’occhiolino che ci fa il pezzo iniziale, “Prima dell’isola”, canzone d’amore stralunata, sotto certi aspetti musicalmente vicina a un certo Massimo Bubola, e lo sguardo tirato dell’ultimo brano, “Preghiera rossa”, pezzo forte e intenso con chitarra carezzevole. E poi in mezzo la title-track, malinconica e suggestiva (mi ricorda, nel cantato ironico, un certo Ivan Graziani), la politico-poetica con ritmo elettrico “Restiamo nascosti”, l’autentica canzone da cantautore “Biblioteche comunali”… un disco di tutti i colori, di tutte le espressioni, come la copertina.

Molto bello/curato il cartonato che contiene il cd: gusto pop, ma elaborato. Segno che il trio umbro ama fare buone cose durature. Prendiamolo come una dichiarazione d’intenti: “Ultimi” sarà il primo di una lunga serie…