Il mio vicino Totoro

di Michele R. Serra

Recensioni
Il mio vicino Totoro

A tutti sarà capitato, nella vita, di avere una giornata storta. Una di quelle che vi lasciano depressi e quasi senza speranze, negativi al massimo. Bè, in questi casi ci sono varie soluzioni, per cercare di tirarsi un po’ su: ci si può rivolgere agli amici, oppure alla persona che amate. Oppure potete prendere il dvd de Il mio vicino Totorocartone animato del regista giapponese Hayao Miyazaki, infilarlo nel lettore, e godervi un’ora e mezza di assoluta positività. Alla fine, ci scommetto quello che volete, vi alzerete dal divano con il sorriso stampato sulla faccia e il calore nel cuore, davvero.

Il mio vicino Totoro risale addirittura al 1988, ma è arrivato in italiano nelle sale solo l’anno scorso. Incredibile che abbiamo dovuto aspettare tanto per vederlo: perché si tratta di un capolavoro, e perché a metterci la firma è il più famoso regista di cartoni animati giapponese, il Walt Disney con gli occhi a mandorla, Hayao Miyazaki. Lui, che nell’ultimo quarto di secolo ha tirato fuori film come La principessa Mononoke (che in Giappone ha incassato più diTitanic, per dirne una) e soprattutto La città incantata (primo film d’animazione giapponese a vincere l’oscar, nel 2003). Miyazaki non ha mai usato grafica digitale, ma solo migliaia di disegni rigorosamente fatti a mano, per dare vita alle sue piccole favole meravigliose.

Totoro è una specie di enorme animalone peloso e magico, uno spirito della foresta che può essere visto solo dai bambini, e che viene scoperto da due giovanissime sorelle che si trasferiscono in campagna. Ecco, diciamo che c’è anche una spruzzata di avventura in questo film… ma non ci troverete dentro nessuno degli elementi che si trovano di solito dentro i classici Disney, tanto per fare un esempio: non c’è il cattivo, zero conflitti, e perfino i mostri e i fantasmi sono creature sì inquietanti ma assolutamente benigne. Facile insomma, capire i motivi per cui vedere Il mio vicino Totoro significa, in due parole, sentirsi bene.