Il salone del libro di Torino

di Alessia Gemma

News
Il salone del libro di Torino

#CaroDiario, sono stata al Salone Internazionale del Libro a Torino e ho imparato che:

1) La tazzina in copertina è più usata dai grafici del lorem ipsum

 

 

(con la virtuale collaborazione di Tazzina di Caffè)

2) Che al Salone ci vai anche per creare contatti con i tuoi autori preferiti e con chicchessia

 

(biglietto da visita Tic Edizioni)

3) Che gli appuntamenti con gli autori sono molto interessanti

 

 

4) Che l’ebook spigne

 

 

5) Che la pubblicità comparativa anche nella piccola editoria è una strada da intraprendere

 

 

6) Che se non eri alla festa di Minimum Fax non puoi dire di essere stato al Salone del Libro e sei meno intellettualoide di un Harmony (e forse più intellettuale di tutti), ma soprattutto non saprai mai che c’era il vocalist che urlava “Su le mani Kafka”

7) Che la #PrimaveraDigitale ormai impazza, siamo tutti fieri geek ed è stato bello, divertente, utile e stimolante seguire il salone del libro anche dall’aifon, dall’aipad, da tuitter e da faccialibro… con qualche inconveniente

8) Che però già al secondo giorno ci eravamo fatti tutti un po’ troppo prendere la mano dal tweet causa virtuale esagitazione dovuta a: 1) compiacimento da retwittamento 2) ingenua illusione di potente azione di marketing da tweet 3) sensazione di notorietà 4) dimostrazione di spiccata intelligenza 5) senso di appartenenza con gli sconosciuti fratelli dell’hastag 6) sboronaggine da io c’ero 6) ansia da cazzo devo esserci 7) gioia da sei gradi di separazione con i Famosi, zompati con una taggata giusta

9) Che è ancora importante non perdere il segno

10) Che i segnalibri esistono ancora ma che sono più vintage di un paio di occhiali da hipster e che è meglio se li chiami bookmarks. Causa dilagare del’ E-book noi Smemo ci abbiamo dovuto mettere le istruzioni per l’uso, su quello della nuova Smemo 2013

11) Che so’ soddisfazioni se uno dei tuoi Friends (che è pure un Don…) riempie la sala (e so’ soddisfazioni anche tutto il contrario!!!)

12) che: “Meglio vivere un giorno da fascetta che cento anni da bandella” (Alberto Forni) e che scovare una fascetta di fascetta nera è più appassionante e da intellettualini di Angry Bird

13) che twitter e il libro elettronico sono stati i grandissimi protagonisti di questo appassionante Salone Internazionale Del Libro di Torino

14) Che le frasi da Diario Smemo fanno sempre ambiente