JOHN RAMBO

di Silvia Belardi

Recensioni
JOHN RAMBO

In un Italia affascinata dalla notte degli oscar e dai suoi film premiati e dai tappeti rossi lavati,io ribelle per natura sono andata a vedere Rambo.
Ops..’John Rambo’.
Posti liberi in sala all’acquisto del biglietto:286
Posti liberi in sala all’inizio del film: 280
Bhè dai…saranno tutti a casa a vedere Sanremo…ops.

Trama:
Un gruppo di volontari cristiani in Thailandia assolda John Rambo perché li guidi nella risalita del fiume Salween. Lo scopo è quello di consegnare dei medicinali ad una tribù che vive nei pressi di Burma. Quando i missionari sembrano non tornare indietro dalla loro missione, Rambo mette insieme una squadra di mercenari per andare in loro soccorso: una missione che si trasformerà in un inferno

Proverò a recensire questo film come fosse un film comico:

Se fosse un film comico sarebbe una delle commedie più divertenti degli ultimi anni.
Ma che dico anni? Giorni.
Appena spente le luci,sullo schermo un avviso a caratteri cubitali che recita più o meno:
‘AVVISIAMO IL PUBBLICO CHE LE SCENE DI QUESTO FILM SONO MOLTO VIOLENTE’
E già ci scappa un sorriso…chi l’avrebbe mai detto?
In effetti cosa c’è di più violento che vedere un sessantenne palestrato,intento a combattere la vecchiaia a colpi di mitra,invece che invece di giocare a briscola al bar con gli amici?
La sceneggiatura è scarsa e gli attori sono più simili ad un gruppo di turisti giapponesi presenti solo per apparire in uno o più fotogrammi accanto al nostro eroe.
I dialoghi pochi e senza senso,ma non per questo poco divertenti.
Il nostro Sly, in grado di recitare con sole due espressioni, quella alla Rambo e quella alla Rocky,fa si che ad ogni sua battuta ci si domandi quale espressione abbia appena usato.
Divertentissimo.
Il regista del film è proprio il nostro beneamato protagonista,e visto il film,credo che solo lui e Briatore avrebbero avuto il coraggio,i soldi e la capigliatura per dirigere questa pellicola.
Per quanto riguarda gli effetti speciali ci sembra incredibile come il catetere dell’attore non si riesca mai a vedere chiaramente in nessuna scena.(la tecnologia ha fatto passi da gigante)
Infine Stallone ha dichiarato di non aver voluto controfigure per questo ennesimo remake:tenendo conto che per tutta la durata del film,ha praticato un po’ di jogging in mezzo alla giungla e una lunga sparatoria da fermo,deduco sia stata una scelta difficile e coraggiosa come quella di intitolare il film ’JOHN RAMBO’.

La Frase:
Rambo:’ “Vivere per niente o morire per qualcosa?”
gli altri:’e tu Rambo cosa hai deciso?’
Rambo:’…di andare.’

(Confucio?)

Commento drammatico:
Nonostante il film sia a mio parere un insuccesso,l’idea di questo eroe immortale che combatte ancora contro tutto e contro tutti senza paura,senza controfigure,senza un parrucchiere decente,unicamente per salvare una donna affascinante e i suoi amici,mi fa pensare a quanto grande sia il desiderio di credere in un eroe sempre e comunque. Apprezziamo inoltre l’intento di voler sensibilizzare la gente per quanto riguarda la tremenda situazione in Birmania.

Commento comico:
John si era nascosto a fare una vita tranquilla,dopo tutto quello che aveva passato,
solo una donna riesce a convincerlo a spingersi più in là.
E sempre questa donna che viene rapita,lo portano a vestire ancora i panni del valoroso e solitario combattente a cui tanto eravamo affezionati.
E nonostante le migliaia di nemici uccisi,le ferite,l’aver salvato lei e i suoi amici….non capiamo come non sia riuscito nell’unica impresa a cui teneva,ovvero conquistare il suo cuore.

Dedica personale:
Vorrei potermi rivolgere al nostro eroe per confessargli che non era necessario portare sul grande schermo l’ennesimo Rambo,il nostro cuore l’aveva già conquistato dopo il primo episodio.
Infine,con il cuore gonfio di affetto,stima e adrenalina,saluto il mio grande grosso e gonfio Sylvester Stallone,con la speranza che sia davvero l’ultimo remake e che ora possa finalmente dedicarsi alla beneficenza,al golf d’altura e ai controlli mensili della prostata.

Il Film:
John Rambo
Titolo Originale: Rambo To Hell and Back
Regia: Sylvester Stallone
Sceneggiatura: Art Monterastelli, Sylvester Stallone

Cast: Sylvester Stallone, Julie Benz, Matthew Marsden, Graham McTavish, Reynaldo Gallegos, Jake La Botz, Tim Kang, Paul Schulze, Linden Ashby, Maung Maung Khim, Ken Howard, Sai Mawng

Produzione: Rogue Marble, Emmett/Furla Films, Equity Pictures Medienfonds, Millennium Films
Distribuzione: Buena Vista International Italia
Paese: USA, Germania 2007
Uscita Cinema: 29 Febbraio 2008
Genere: Azione