Ken il guerriero La leggenda di Hokuto

di Michele R. Serra

Recensioni
Ken il guerriero – La leggenda di Hokuto

Quando i cartoni animati giapponesi sono arrivati in Italia, circa un quarto di secolo fa, sono stati subito bollati da molti commentatori come violenti e diseducativi. Nonostante questo, o forse, anche per questo, oggi alcuni di quei personaggi visti alla tv sono diventati mito per un’intera generazione. È il caso di Ken il Guerriero, che appartiene di sicuro alla categoria “cartoni viuuulenti”, visto che racconta proprio la storia di un maestro di arti marziali, che pratica la mortale disciplina dell’Hokuto e se ne va in giro per un mondo postatomico a spaccare le teste dei cattivi. Ma questo, sopratutto se siete uomini fra i venti e i trent’anni, probabilmente lo sapete già.

Venticinque anni dopo la sua creazione da parte dei giapponesi Buron Son e Tetsuo Hara, Ken ritorna prepotentemente – d’altronde, eh il suo stile è questo – stavolta sugli schermi del cinema. Ken il guerriero – la leggenda di Hokuto è il primo di una serie di cinque lungometraggi che racconteranno di nuovo la storia dell’uomo dalle sette stelle. In totale, quasi otto ore di Ken, che stavolta non significano solo ed esclusivamente calci e pugni…

Quello di Ken è infatti un rientro in scena in grande stile, organizzato dagli autori originali con l’aiuto di un altro mito dell’animazione giapponese, Tsukasa Hojo, che poi è il creatore di Occhi di gatto e City Hunter, e per questa nuova serie di film di Ken si è occupato soprattutto della realizzazione dei personaggi femminili, che diventano dunque più importanti. In La leggenda di Hokuto vengono approfondite alcune sottotrame, particolarmente quelle incentrate sulla figura di Raoul, il fratello maggiore di Ken che si fa chiamare Re di Hokuto.

La leggenda di Hokuto non è certo un capolavoro di analisi psicologica, ma certamente dona più profondità a una storia che i fan conoscono a menadito. Lo stile inconfondibile della serie animata viene trasportato con ottimi risultati sul grande schermo, per un film che sa di moderna epica pop.

La pagina di Facebook di Ken. Se volete diventare suoi amici…