La Biennale di Venezia: Pensa con i sensi Senti con la mente- L’arte al presente

di Giovanna Donini

Recensioni
La Biennale di Venezia: Pensa con i sensi – Senti con la mente- L’arte al presente

La 52. Esposizione Internazionale d’Arte, a Venezia, istruzioni per l’uso (e l’abuso): pensare, sentire, con i sensi e con la mente, coniugare, come se fosse un predicato verbale (e forse lo è) l’Arte al presente, “guardando al futuro, ma non al passato”. Questi sono gli obiettivi, le idee e le parole, di Robert Storr, primo direttore statunitense della storia ultracentenaria della rassegna d’Arte, voluta e organizzata dalLa Fondazione la Biennale di Venezia, presieduta da Davide Croff, che aprirà al pubblico dal 10 giugno e si chiuderà il 21 novembre 2007. Tema portante di questa edizione: “Pensa con i sensi-Senti con la mente-l’Arte al presente”. Messaggio istantaneo: guarda qui, avanti, ma non indietro: “Questa mostra – afferma Robert Storr – non si basa su una proposta ideologica o teorica onnicomprensiva. Piuttosto si fonda su un atteggiamento di base nei confronti dell’arte, rivolto a supporre che le dicotomie analitiche tra il percettivo e il concettuale, tra pensiero esentimentopiacere e dolore, intuizione e riflessione critica, troppo spesso oscurano o negano la presenza complessa di tutti questi fattori nella nostra esperienza del mondo, nonché la presenza di tutte queste dimensioni nell’arte che ne deriva”. L’arte nel mondo, il mondo nell’Arte. Un centinaio di artisti giungeranno, infatti, da tutto il mondo con opere, anche site specifice e nuove produzioni realizzate, in collaborazione con la Biennale di Venezia, per questa occasione espositiva: “Ogni opera sarà lì a parlare per sé. Insieme, le corrispondenze tra le opere – che siano esse armoniose o dissonanti – solleciteranno l’attenzione del pubblico, io credo, verso la diversità di emozioni, materiali, temi e modi di coinvolgere il visitatore, che caratterizzano opere d’arte create in linguaggi diversi, e tutti, ciò nondimeno, coniugati al presente” conclude Storr.

La mostra centrale è stata allestita negli spazi delle Corderie e parte delle Artiglierie dell’Arsenale e nel Padiglione Italia ai Giardini. Sono ben 77 Paesi che allestiscono proprie mostre anche nel centro storico cittadino, oltre che ai Giardini e all’Arsenale, dove ha trovato sede permanente dal 2006. Una delle novità assolute di quest’anno della 52. Esposizione, sarà il nuovo Padiglione Italiano che per la prima volta segna e vede il debutto di Ida Gianelli con una mostra, nella più grande e importante rassegna di arte contemporanea internazionale.

info nel dettaglio: http://www.labiennale.org/it