La prima volta

di Redazione Smemoranda

Attualità

La prima volta. Vista da… …Giovanna Donini, smemosessuale. La mia prima volta sono state due. Lui era biondino, con gli occhi azzurrini, bassino, bruttino, praticamente insipido. Il momento più eccitante della mia prima volta con lui è stato quando io gli ho chiesto: “Che ore sono?” E lui mi ha risposto: “Mezzogiorno e cinque”. E pensavo che quello fosse amore. Però. Poi. Poco tempo dopo. Lei. Lei è bellissima. Più bella perfino del mare. Del sole. Del colore. Della neve. E del mondo tutto. E’ una donna. Anch’io. E allora? E’ amore. Il momento più eccitante e romantico della mia prima volta con lei è stato quando lei mi ha detto: “Spegni la luce” e io: “Ma è giorno…” “Allora Abbassa le tapparelle…”. “Abbassa le tapparelle” è la frase più romantica che io abbia mai sentito. E ancora oggi quando abbasso le tapparelle sento l’amore e lo faccio. Soprattutto da sola, ma lo faccio. … Andrea Midena, smemosessuale. La prima volta è la prima volta. La prima volta non è mica una roba da poco. La prima volta può essere un’esperienza traumatica, un ricordo da dimenticare. Un flash, nel senso della durata. La mia prima volta, invece, fu bellissima. Ero molto giovane. Arrivai a quell’appuntamento spaventato dai racconti degli amici più grandi. Storie terribili di Fantasesso, raccontate di nascosto in cerchio e interrotte qua e là da risatine nervose. Anche il parroco non aveva fatto molto per tranquillizzarmi. Malgrado ciò, come ho detto, fu bellissimo. Ricordo l’emozione nel prendere confidenza con quella rigidità meravigliosa e piacevolmente minacciosa. Fu tutto così naturale, così normale, così giusto. Fanculo gli amici più grandi. E fanculo anche il parroco. Dopo quella prima volta ci fu una seconda, una terza, una centesima, una milionesima. Sempre con lui. Sono passati 35 anni e lo facciamo ancora. Tra noi c’è amore e chimica, ancora. Sì, ho avuto altre storie, mapoi solo lui. Con Andrea Midena lo facciamo tutti i giorni. Beh, quasi. Ieri ad esempio non avevo voglia e mi sono inventato un mal di testa. …Il MAGO FORREST, Michele Foresta, attore comico, eterosessuale dichiarato e special guest della puntata. E’ la prima volta che scrivo per smemoranda.it e come tutte le cose che si fanno per la prima volta me lo ricorderò per tutta la vita, come il primo giorno di scuola, come il primo bacio, come il primo giorno di galera, come la prima volta che ho fatto all’amore… me lo ricordo come fosse ieri, ricordo che sudavo, mi tremavano le gambe, mi batteva forte il cuore e pensavo… ma mi basteranno i soldi?