Le scenografie di Zelig in mostra (a Zelig)

di Gino e Michele

Recensioni
Le scenografie di Zelig in mostra (a Zelig)

La scenografia è parte integrante della costruzione di uno spettacolo. Ricopre un ruolo decisivo, insieme alle luci, ai costumi, alla regia e a tutto il resto che non è direttamente conducibile alla scrittura e alla  recitazione dirette. Nel caso delle varie edizioni di Zelig, che sono tante e coprono ben 15 anni di televisione, chi ha costruito le scene ha dovuto tenere conto di una duplice funzione: quella teatrale e quella televisiva. Zelig infatti si svolge in un teatro davanti a un pubblico pagante di diverse migliaia di persone, ma il suo “utilizzatore finale” è il pubblico televisivo a casa.
Inoltre col passare degli anni le disponibilità economiche di chi produce la trasmissione sono andate al passo coi tempi difficili che sta vivendo il nostro paese: in parole povere lo scenografo, nella progettazione e nell’allestimento, ha dovuto misurarsi anche con queste restrizioni.

Nonostante ciò Enrico Dusi, grande professionista e amabile compagno di lavoro, ha costruito sempre delle accattivanti scene che di certo hanno contribuito al successo di Zelig sia in teatro che in tv.
Una mostra dei modellini di queste scenografie è stata allestita nel foyer della mega-tenda che ospita le registrazioni di Zelig Circus 2013. Più sotto ne riportiamo alcune testimonianze fotografiche (scattate da Enzo Speciale), ma prima è il caso di conoscere meglio Enrico. A proposito, ecco un suo autoritratto:

 

Lui oltre alla vita professionale (oltre a Zelig, ha curato molte scenografie per il teatro e la televisione, perfino quelle di Bim Bum Bam negli anni Ottanta!) dice di sé: “Ha studiato a Brera. Da quando ha coscienza di sé stesso, senza sapere bene il perché, disegna paesaggi a matita o ad acquerello. Varie: gli piace il blu ma è sempre indeciso sulla esatta tonalità;  perde le staffe quando dimentica le chiavi di casa (succede quasi quotidianamente) ; non è credente e detesta le superstizioni; Segno zodiacale: Acquario con ascendente Acquario. Non è molto socievole ma è un sognatore. Di salute sta benissimo,il suo cuore batte (talvolta faticosamente) ancora dalla parte giusta del petto. Non ha figli pur essendosi  sposato due volte. Ha una moglie che si chiama Margherita e lo sopporta da oltre 30 anni, quattro super nipoti ed un gatto ciccione e rosso. Ama profondamente la natura, la buona architettura, le buone letture e la buona musica.