Lo zainetto del manifestante

di Alessia Gemma

Storie di Smemo
Lo zainetto del manifestante

SMEMO INSIDE. Dentro lo zainetto:
 
☞ pane e frittata portato da casa, perché sicuro ti viene fame. E per dimostrare al mondo che parti con buone intenzioni e perché la rivoluzione non è un pranzo di gala…
 
☞ la macchina fotografica, per poter dire poi su Facebook io c’ero e per poter dire un giorno ai nipoti io ero…;
 
☞ la t-shirt con la scritta politica, per un sano edonismo militante;
 
☞ la kefiah… che ci sta sempre, da sempre, anche se non sai bene perché;
 
☞ musica ribelle e in manifestazione va benissimo  se è anche un po’ datata;
 
☞ una bottiglietta d’acqua contro la disidratazione… senza poi trasformarla in una molotov, al massimo, se sei un incontenibile creativo, in un cilum DA NON USARE;
 
☞ lo spruzzino per l’asma, perché è una legge della fisica: più soffri d’asma e più quel fumogeno cadrà vicino alle tue vie respiratorie. Se sei asmaticissimo ti si infila dritto nel naso;
 
☞ un megafono se sei un leader o se ti perdi facilmente la ragazza/o. Poi ci sono i megafoni che vendono i cinesi, quelli che sparano incomprensibili frasi a caso, nel caso tu fossi un insicuro che comunque ci prova;
 
☞ uno slogan importante e azzeccato, che non sia “facciamo l’amore con il sapore”. Anche lo slogan, come la canzone, può essere datato: io sono 20 anni che grido IL PROLETARIATO NON HA NAZIONE, INTERNAZIONALISMO! RIVOLUZIONE! senza capirlo;
 
☞ un’utopia… un sogno… una speranza… dai, va bene anche un’illusione;
 
☞ un pacchetto di chewing-gum, perché si sa: un 6 politico e una limonata non si negano mai a nessuno se sei militante;
 
☞ una bandiera, soprattutto se sei sardo: non può mancare la bandiera sarda in una manifestazione che si rispetti;
 
☞ dei fiori da mettere nei cannoni… suona strano?
 
☞ una risata: unica arma concessa per seppellire i cattivi.
 
 
 
SMEMO OUT. Fuori dallo zainetto:
 
☞ le bombe carta che spezzano le dita;
 
☞ il casco, tanto in manifestazione si va a piedi e se lo tieni sulla testa sembri un idiota, su tutti i canali televisivi nazionali;
 
☞ la madonnina di ceramica, tante volte ti venisse in mente di portartela dietro. Corri il rischio che te la spacchino e poi la riprendano in quello stato pietoso su tutti i giornali e tg nazionali;
 
☞ l’estintore da spakkotutto, pesa troppo e mortifica il dialogo;
 
☞ le provocazioni;
 
☞ i sospetti… figurati se in manifestazione ci sono degli infiltrati… figuriamoci…
 
☞…
 
☞…