Nuovo album per Marracash con nove featuring pazzeschi

di Redazione Smemoranda

Attualità - News
Nuovo album per Marracash con nove featuring pazzeschi

Esce giovedì 31 ottobre  il nuovo album di Marracash “Persona”, che arriva a tre anni di distanza dall’ultimo lavoro in studio dell’artista. All’interno dell’album quindici tracce, di cui nove featuring con Coez, Cosmo, Guè Pequeno, Luchè, Madame, Mahmood, Massimo Pericolo, Sfera Ebbasta, tha Supreme.

I brani rappresentano parte del mio corpo; sono fatti di carne, fatti di ossa, fatti di sangue. Lo stesso corpo di Marra, lo stesso corpo di Fabio in condivisione da tempo. Non è la prima volta che li vedete insieme ma è la prima volta che Marra e Fabio si parlano e l’unica in cui sarò io a raccontarli”, ha dichiarato l’artista.

Ecco la tracklist del disco, disponibile al link https://island.lnk.to/Persona:

1. Body Parts  – I denti
2. Qualcosa in cui credere – Lo scheletro
3. Quelli che non pensano – Il cervello
4. Appartengo – Il sangue
5. Poco di buono – Il fegato
6. Bravi a cadere – I polmoni
7. Non sono Marra – La pelle
8. Supreme – L’ego
9. Sport – I muscoli
10. Da buttare – Il ca**o
11. Crudelia – I nervi
12. G.O.A.T. – Il cuore
13. Madame – L’anima
14. Tutto questo niente – Gli occhi
15. Greta Thunberg – Lo stomaco

marracash-persona

E per chi vuole assicurarsi una copia autografata, può incontrare Marracash qui:

31.10 @Feltrinelli, P.zza C.L.N. , Torino (ore 15)
01.11 @ Frigerio dischi, Via Giuseppe Garibaldi, Como (ore 15)
01.11 @Mondadori, P.zza Duomo, Milano (ore 18)
02.11 @Mondadori, Corso Palestro, Brescia (ore 15)
02.11 @Mondadori P.zza Dell’Insurrezione, Padova (ore 18)
03.11 @Feltrinelli, CC Santa Caterina, Bari (ore 15)
04.11 @Feltrinelli Stazione, Napoli (ore 15)
04.11 @Feltrinelli, CC Maximall, Salerno (ore 18)
05.11 @Galleria del disco, Firenze (ore 15)
05.11 @Skystone & Songs, Lucca (ore 18)
06.11 @Discoteca Laziale, Roma (ore 15)
08.11 @Mondadori, CC Forum, Palermo (ore 15)
09.11 @Feltrinelli, CC Centro Sicilia, Catania (ore 15)

Marracash racconta i featuring dell’album “Persona”

In questi giorni hanno commentato in tantissimi le scelte dei featuring di questo disco. Capisco che qualcuno avrebbe voluto vedere nel disco il suo rapper preferito, il suo mito, suo fratello e suo cugino, ma i featuring non sono attestati di stima. Non chiamo nel mio disco gli artisti che ammiro (non solo, e non tutti, almeno), ma quelli che possono aggiungere qualcosa alla traccia in cui sono ospiti, o che hanno talenti che io non ho. Un nome tra i tanti che mi hanno scritto è Fabri Fibra. Non è capitato in questo disco, ma abbiamo tracce insieme e progetti futuri all’orizzonte“.

COEZ (SILVANO)

Marra: “Ueeeee come stai?”
Coez: “Ciao bro, bene, sono in Bulgaria 😂”
Marra: “Video? Ho sentito che lì ci sono set pazzeschi
Coez: “Sì, facciamo esplodere qualche macchina 😂”
Marra: “Davvero? Senti ho un’idea fighissima e il rit lo puoi fare solo tu…”
Coez: “Spara.” Segue la mia nota vocale in cui gli spiego l’idea

Coez: “Porco zio, è geniale bro! Ti dico sono un po’ a pezzi, ho detto di no a tutti, se non era questa idea avrei saltato a ‘sto giro.”
Marra: “È una figata, no? Poi perfetto se lo fai tu che sei pure di Roma e sei amico di…”
Coez: “È un’idea geniale, tocca fa’ un missile; quanto tempo abbiamo?”
Marra: “Un mese circa.”
Coez: “Beh, considerato che l’ultima volta per il ritornello di A Volte Esagero mi hai dato tre giorni…”
Marra: “Ahahhaha ti mando il beat!”
Dopo questo scambio di messaggi ne sono seguiti parecchi altri e alla fine Silvano è venuto da me a registrare (sì, ho fatto tutto il disco lì). Non è stato facile arrivare a quel ritornello… C’è un altro ospite “occulto” in quella traccia che ci tengo a ringraziare… Ma non è ancora il momento.

COSMO (MARCO)

Ho conosciuto Marco l’estate scorsa in occasione di un concerto a Napoli di cui Elisa era l’art director. Aveva scelto di affiancarsi a me e Cosmo e di fare dei mash up del nostro repertorio per rendere la data una festa. Mi presento alle prove, qualche giorno prima, in ritardo, e capisco da subito che Marco era peggio di me. Tra  i ritardi e Cosmo che cazzeggiava e cambiava la scaletta 5 minuti prima dello show, Elisa ha avuto più di un momento difficile. Alla fine il concerto è stato super e io ho avuto l’ennesima prova che Elisa dal vivo ferma il tempo e che Marco, esattamente come il cosmo da cui prende il nome, è il caos. Il caos di generi musicali, sessuali, di stili di vita. Completa il quadro il fatto che ha due figli ed è un ex professore di storia. Come non amarlo?

GUÈ PEQUENO (COSIMO)

Io e Cosimo abbiamo fatto un bel pezzo di strada assieme.
Abbiamo un sacco di cose in comune, amicizie, esperienze. Ci piacciono il rap e il cinema, abbiamo perfino fatto un disco assieme. Eppure, siamo diversissimi, quasi opposti su certi aspetti. Nell’approccio al lavoro o nel modo di reagire al dolore ad esempio. A me il dolore paralizza, ho bisogno di viverlo fino in fondo, di annegarci, spremerlo e alla fine tirarci fuori qualcosa, magari. Cosimo ha bisogno di non pensarci, di seppellirlo di lavoro e serate fino a che non lo sente più. Di passare oltre, instancabilmente. Ma da qualche parte deve pur finire no? Grazie grande G per averne lasciato un po’ nel mio disco.

LUCHÉ (LUCA)
Chiudo in bellezza con Luca, uno dei pochi con cui ho un rapporto al di là della musica, uno dei pochi di cui mi ascolto la musica in macchina. Luché mi è piaciuto dalla prima volta che l’ho sentito rappare in Pnzier’ Psant, un pezzo dei Fuossera. Ai tempi anche io ero agli inizi, ci siamo scritti ed è iniziato un rapporto. Se metto assieme tutti i pezzi che abbiamo fatto assieme viene fuori un disco. Siamo simili per molti aspetti. Anche lui è molto sensibile e vive periodi di profonde crisi. Eppure, è la persona più determinata che abbia mai conosciuto. Non ho mai smesso di credere che avrebbe avuto quello che gli spettava e lui nemmeno, e così è stato. Ciao Luca ti voglio bene, mi dispiace non esserci stato in Potere ma ero più morto che vivo ed ero vuoto e so che anche tu non sai scrivere quando sei così. Sono contento che tu ce l’abbia fatta per il mio disco, non sarebbe senza di te.

MADAME (FRANCESCA)

Qualche settimana fa ho letto un’intervista di Ensi in cui diceva che Madame era l’artista che più lo aveva impressionato in tutta la sua carriera. Sono d’accordo. La sera che Francesca è venuta da me per sentire il pezzo era la prima volta che ci vedevamo. Lei era semiparalizzata dall’emozione, a stento spiccicava parola. All’inizio sono andato in para perché il pezzo su cui doveva cantare era piuttosto impegnativo, lei ha pur sempre 17 anni e mi ha detto che lo avrebbe scritto direttamente in studio. Ho pensato che forse avevo fatto una cazzata ad affidarle quella traccia. Dopo un po’ però, ha preso coraggio e ha cominciato a farmi delle domande, per niente banali, sul tema della canzone. La vedevo prendere appunti quasi come fosse il mio analista, sul suo cellulare. A un certo punto mi fa – Ce l’ho – L’ho lasciata sola a casa mia, mentre noi altri siamo andati a cena e quando siamo tornati dormiva rannicchiata sul divano. Aveva scritto una figata, centrando esattamente l’argomento e dimostrandosi più che all’altezza della situazione, una cosa davvero strabiliante.
Grazie Francesca, la donna che mancava nel rap italiano.

MAHMOOD (ALESSANDRO)

Io e Alessandro un po’ ci assomigliamo. Da quando è diventato popolarissimo dopo Sanremo , la gente non fa che scriverci che siamo uguali. Meme su meme. Per me non è una cosa nuova. È dai tempi del primo Ronaldo (il fenomeno) che non appena sale alla ribalta qualcuno con carnagione scura e capelli corti mi dicono che sia uguale a me. Calciatori, attori, cantanti, a quanto pare sono pieno di sosia. Forse è un po’ come con gli orientali: scuri, rasati e con le labbra carnose siamo tutti simili per gli italiani.
Alla fine ci siamo conosciuti, ci siamo parlati e abbiamo fatto musica assieme. Il pezzo è memerabile, ops memorabile, vero Mahmood?

MASSIMO PERICOLO (ALESSANDRO)

È il momento di parlare della cagata più famosa del web: quella di Massimo Pericolo a casa mia. Alessandro riesce a essere duro e dolcissimo allo stesso tempo. Parla come un tossico dopo una pera ma sta bello in forma come uno sportivo. 7 miliardi ci aveva gasato tutti ma Sabbie D’oro per me è stata la conferma che il ragazzo aveva un futuro brillante. Così è passato da me perché avevo un pezzo da proporgli. Si è presentato con la sua ragazza e un suo amico/consigliori e abbiamo ordinato argentino. La chiacchierata deve averlo messo a suo agio perché dopo pranzo mi ha chiesto se poteva cagare e la cosa fece molto ridere tutti. Vi avevo già spoilerato che a Massimo avevo assegnato il “sangue” ma ora vi dirò perché: è il rapper che vedo più simile a me tra quelli della new generation… e buon sangue non mente.

SFERA EBBASTA (GIONATA)

Quando ho conosciuto Gionata, lui e Charlie venivano spesso da me per decidere le strategie discografiche, e lì ho percepito per la prima volta il gap con una nuova generazione di rapper. Avevano idee strane, si ispiravano ai trapper americani, mi dicevano cose come – Nei live vogliamo esibirci con il pezzo intero sotto, non solo sulla base – Cercavo di spiegargli che avevano torto e che non tutto si poteva translare in Italia con lo stesso effetto. Su una cosa però avevano ragione loro: farcela all’estero. Per me era impossibile anche solo pensarci, mi sembrava una perdita di soldi, tempo ed energie. Una cosa inarrivabile. Per Gionata invece no ed è per questo che ce l’ha fatta. Tra tutti gli artisti che sono passati per la mia etichetta, lui era il più sicuro del suo talento e uno dei pochi con cui il rapporto è rimasto forte. Uno dei pochi che mi ha cercato quando ero disperato e desaparecido, uno dei pochi che passava a trovarmi e si interessava su come stavo. All’inizio non volevo chiamarlo in questo disco, perché era nei dischi di tutti e a me piace essere originale. Ma poi ho pensato che aveva iniziato proprio con me e che gli volevo bene, sarebbe stato assurdo non chiamarlo solo per partito preso. Quando gli ho proposto il pezzo mi ha risposto che era onorato, e questo per quanto mi riguarda la dice lunga su chi sia Gionata. Grazie fratello!

THA SUPREME (DAVIDE)

Chissà quanti hanno fatto la stessa faccia che ho fatto io quando ho visto la foto di tha Supreme… Stavo per pubblicare il suo solito avatar cartoonesco quando è stato proprio lui a scrivermi e a dirmi che data la natura “personale” del mio progetto ci teneva a metterci la faccia. Tutto è imprevedibile con Davide. Quando gli ho mandato il pezzo per chiedergli se gli andava di partecipare non mi ha risposto per qualche ora. Non sapevo se lo aveva sentito, se gli piaceva, se lo avrebbe fatto. Poi, di colpo, mi manda direttamente la sua parte, già registrata, con tanto di arrangiamenti musicali. Voci definitive, registrate direttamente a casa sua, su una parte di beat diversa da quella che gli avevo assegnato. Assieme a Madame è l’ospite più giovane del disco e l’unico che non ho incontrato di Persona.
Sono sicuro che la traccia sarà una sorpresa per tutti. Io amo le sorprese e voi?