Maturità: arrivano gli orali I consigli dei direttori

di Giovanna Donini

Storie di Smemo
Maturità: arrivano gli orali – I consigli dei direttori

Oggi iniziano gli orali. I sommi direttori Smemo, dall’alto della loro immensa saggezza, offrono ai maturandi i loro consigli. (Di base non è che servano a granché, ma nella disperazione dell’ultimo minuto, magari riusciranno a illuminarvi la via. Capita pure roba del genere nella vita.)

Nico

1: la maturità la si conquista nella vita, non a scuola.

2: all’esame siate scaltri, con un pò di faccia tosta.

3: studiate quanto basta, senza esagerare altrimenti si rischia il rincoglionimento da esame.

4: training autogeno x reggere la tensione.

5: mangiate tanto e bevete con moderazione, i brindisi dopo.

6: siate voi stessi, non inventatevi un’altra personalità da esame, si rischia la figuraccia.

7: difendete le vostre idee, sempre e comunque.

8: studiate insieme ad altri compagni con cui si è in sintonia, è meno faticoso.

9: rimanete concentrati, evitate deprimenti discussioni d’amore.

10: fate, se possibile, l’amore: rilassa.

 

 

Michele

1: non farti mai prendere, prima, dall’ansia, perché invece…

2: il durante è sempre molto più sereno e semplice dell’attesa.

3: gli insegnanti non sono la controparte. Se li vedi come un nemico rischi che loro se ne accorgano e a loro vola ti vivano allo stesso modo. Quindi sii scaltro, trattali solo come degli zii un po’ impiccioni, ma in fondo buoni. In altre parole…

4: vivi la commissione come dei professionisti che hanno mezz’ora per cercare di capirti. Ma che non vogliono né complicarsi né complicarti la vita.

5: sii te stesso. Raccontati. Dì le cose che pensi cercando di spiegarle. Fai capire che hai imparato a pensare e che sai comunicare con la parola scritta e parlata, nonostante l’era dei computer (che per te sono un di-più non un in-vece). Ti gioverà comunque. E’ un segno di maturità.

6: la commissione deve decidere prima di tutto se sei “maturo” se cioè hai raggiunto con credibilità l’età adulta. Difficile che s’impuntino su una data. Fatte salve la Rivoluzione francese, la Scoperta dell’America, L’Unità d’Italia e la Liberazione dal nazifascismo. Quindi non dimenticare il punto 5.

7: niente eccitanti all’eccesso: troppi caffè fanno venire il cagotto, non la memoria.

 

Gino

Impegno e sacrificio. Perché poi iniziano i tre mesi di vacanze più belli di tutta la vita.