I film da vedere coi fratellini in quarantena

di Redazione Smemoranda

News - Recensioni

I cinema sono chiusi, e noi tutti siamo chiusi. Però del cinema ne abbiamo ancora bisogno, e non è un perdere tempo, non è un estraniarsi dalla cronaca e dalla realtà. È una terapia per quello che abbiamo in testa – che sicuramente in questo momento è meno importante di altri problemi, ma serve.

Se volete, aggiungete anche i nostri consigli di visione alla lista: proviamo a darvene un po’ a partire da oggi e nei prossimi giorni. Solo capolavori, però eh.

Oggi partiamo con i consigli più importanti: i cartoni da vedere con i piccoli, anzi piccolissimi, anche di tre, quattro anni. Andiamo a cominciare.

1) Il mio vicino Totoro

Scusate la banalità, ma iniziamo con Il mio vicino Totoro, il capolavoro di Hayao Miyazaki che riesce a parlare a tutti gli spettatori dai 2 ai 99 anni. È una storia piena di magia e di cose strane, che però chiunque può comprendere, immediatamente, sulla pelle. È forse il film più terapeutico che possa esistere, un film in cui i momenti più tristi si sciolgono in una specie di armonia universale. È il modo migliore per scoprire l’universo artistico dello studio Ghibli. Se l’avete già visto, va bene anche Kiki consegne a domicilio.

2) Gli Aristogatti

Capitolo Disney. Per avvicinarsi, meogli lasciar perdere i più impressionanti Biancaneve e Cenerentola, e anche quel capolavoro assoluto della storia del cinema che è Dumbo, che rimane forse troppo carico di emotività. Andate dritti sugli Aristogatti, invece, che è una storia semplice e curatissima, piena di grande musica. Oppure azzardate un Robin Hood, che ha le stesse qualità, ma è un po’ più veloce e con temi un po’ più adulti. Se riuscite a spiegare a vostra sorella di tre anni cosa sono le tasse, mille punti per voi.

3) Toy Story

La porta d’ingresso per la Pixar è invece senza dubbio il primo Toy Story, che ha le carte in regola per farsi capire meglio rispetto ad altri capolavori dello studio americano. E poi così rischiate di vedervi pure il 2 e il 3, anche se quelli sono un po’ più complicati, in effetti.

4) Shaun, vita da pecora

Chiudiamo con tre consigli un po’ meno scontati: Ernest e Celestine, una meraviglia dell’animazione francese che racconta un orso diversissimo da quello di Masha, con un’immagine delicatissima. E poi ancora il film di Shaun, vita da pecora, di quei geni della stop motion della Aardman Animation, che davvero trasmette calore e affetto a ogni fotogramma. Infine, Kiriku e la strega Karaba di Michel Ocelot, una favola africana che è diventata un cartone animato lontanissimo dal mainstream. Giusto per far capire ai piccoli che non esistono solo le gare a cento all’ora di Cars, ma si possono raccontare storie bellissime anche in un altro modo.

ALTRI FILM DA VEDERE IN QUARANTENA QUI