Miriam in Siberia Failing

di L'Alligatore

Recensioni
Miriam in Siberia – Failing

Nome della band e foto della copertina in tema con il freddo di questi giorni, per un alternative-rock in cinque atti che vola alto, tanto quanto le foto aeree della cover (nata dall’incontro con il fotografo Marco Quinti, s’intitola “Veduta aerea della tundra siberiana” e fa parte del suo reportage in quella zona). Il gruppo di campano, al terzo disco in dieci anni, prodotto come al solito in autonomia, con “Failing” ha fatto una svolta: primo disco in inglese, composizione corale, lavoro su idee libere slegate dal solito voce/chitarra.

Canzoni preferite: “We Wanna Known”, brano mistico e sensuale, sarebbe stato perfetto per uno spaghetti-western, “Raise Your Hands”, psichedelia hard-rock che, mi dicono i Miriam, live diventa esplosiva, dilatata, doom, la title-track posta strategicamente all’inizio, di forte impatto, acidità assortita e gran ritmo… ma il disco, è tutto da ascoltare.