Monopoly Madness è (quasi) meglio del Monopoli

di Redazione Smemoranda

Recensioni
Monopoly Madness è (quasi) meglio del Monopoli

Lo sappiamo e non c’è bisogno di ricordarlo, che gli ultimi due anni sono stati diversi e anche nettamente peggio di tutti quelli che ci ricordavamo prima. Però per qualcuno gli anni della pandemia sono stati anche positivi. Tipo i produttori di videogame, certo, con tutta la gente chiusa in casa.

Ma non solo i giochi elettronici, anche i cari, vecchi giochi da tavolo, quelli con il tabellone di cartone e i dadi, hanno segnato un bel 20% di vendite in più. Quindi, c’è da stupirsi se adesso ci propongono il videogame del Monopoli? Ovviamente no. Han fatto uno più uno, ed eccolo qua.

Monopoly madness, è arrivato a Natale su console, PC e quant’altro. Noi ci abbiamo giocato su Nintendo Switch, che è la macchina più giusta per giocarci – perché è un party game, e da sempre Nintendo è sinonimo di party game. Ovvio. Quello che è un po’ meno ovvio, è che Monopoly madness non assomiglia per niente al Monopoli da tavolo.

Cioè, sì, c’è il tipo con il cappello a cilindro e i baffoni. E sì, lo scopo del gioco è acquisire delle proprietà e pimparle per generare valore. Ma invece di giocare ordinatamente ognuno al suo turno, voi e i vostri avversari siete buttati tutti insieme su una mappa, in cui ci sono una serie di fabbricati che vengono messi all’asta in modo totalmente casuale, e intanto in giro compaiono dei soldi che potete raccogliere, o meglio aspirare con un aspirapolvere che avete in dotazione. Quando si apre un’asta, dovete correre verso il punto della mappa giusto per cercare di partecipare (usando i soldi che avete raccolto in giro). Dovete arrivare prima degli altri, ma anche impedire agli altri di arrivare, proprio fisicamente – tipo Fall guys, se avete in mente. È semplice, ma è anche un casino totale. Il che rende Monopoly Madness molto divertente.

Non so se ci sia ancora qualcuno che invita a casa gli amici per giocare, ma spero di sì. Monopoly madness è un ulteriore buon motivo per farlo.