Mushrooms in Love, i funghi siamo noi

di Maurizio Cacia

News - Recensioni

Un pianeta simile alla terra, forse creato dagli umani (che sono “gli Dei”) dove l’unica forma di vita intelligente è una stirpe di donne-fungo. Una società organizzata in tribù specializzate, ognuna utile per la crescita dell’intera collettività.
Comunità e senso di appartenenza, diversità come caratteristica e valore aggiunto, amore contro ogni sopruso: questo è Mushrooms in Love, il manga seinen / yuri di Kei Murayama edito in Italia da J-POP Manga.

La storia d’amore tra Eriela e Ariela, donne-fungo appartenenti a due tribù differenti, è un pretesto per raccontare il valore della diversità e della vita in comunità. Quello di Mushrooms in Love è un mondo in cui a volte è necessario, per essere felici, uscire dagli schemi e provare a creare qualcosa di nuovo. Un mondo in cui amore e diversità possono crescere liberi, ed essere un punto di partenza per migliorare tutta la società.

L’amore tra Eriela e Ariela scatenerà infatti gelosie e complotti tra le tribù, ma sarà talmente forte e puro da vincere difronte a tutto e tutti.
Kei Murayama racconta di un mondo fantastico, ma ovviamente lancia una critica alla società attuale: contro le discriminazioni, contro chi vorrebbe limitare la cultura soltanto ad alcuni ceti sociali, contro l’egoismo e la ricerca del potere.

Una storia dolce e crudele, fantastica e reale allo stesso tempo. Mushrooms in Love va letto perché di fatto è lo specchio della nostra società, una critica pura all’attualità. Ma soprattutto, il viaggio d’amore tra due creature differenti.

Se ti interessa Acquistalo qui