Il compleanno di Parole O_Stili

di Redazione Smemoranda

News

Il Manifesto della comunicazione non ostile spegne 4 candeline e festeggia in rete con nuovi progetti in arrivo. Primo tra tutti, una piattaforma al fianco di tutti i 170 mila docenti italiani che già fanno parte della community di Parole Ostili e che mette a disposizione i progetti didattici realizzati per gli oltre 800 mila studenti che già hanno lavorato sui principi del ​Manifesto della comunicazione non ostile ​e su tematiche come la ​cittadinanza digitale ​e l’uso consapevole della rete​. Con questo obiettivo, ​Parole O_stili ​e il Ministero dell’Istruzione festeggiano il quarto compleanno con un regalo per tutta la rete: #AncheIoInsegno

Secondo il “Rapporto giovani 2021”​ realizzato dall’Istituto Toniolo (​Indagine commissionata da Istituto Toniolo e realizzata da Ipsos tra il 9 e il 24 novembre su un campione di 7012 di giovani tra i 18 e i 22 anni), i ragazzi riconoscono alla scuola di averli aiutati a sviluppare il senso di responsabilità (52,6%), il desiderio di imparare (50.8%), il pensiero critico (50,3%) e la capacità di lavorare in gruppo (50,1%). Gli stessi intervistati hanno dichiarato che tra le “mancanze scolastiche” c’è l’incapacità di esprimere una visione positiva della vita e di se stessi e l’incapacità di essere leader.

La piattaforma sarà una sorta di database, organizzata con filtri di ricerca e in continuo aggiornamento, pronta a soddisfare le necessità didattiche di educatori, insegnanti e genitori che vogliono affrontare in classe o a casa temi come: ​bullismo e cyberbullismo, rischi e opportunità della Rete, diritti e doveri online, fake news, hate speech, web reputation, revenge porn, body shaming, privacy online e moltissimi altri argomenti. ​Filo conduttore di tutte le attività educative sarà ​il Manifesto della comunicazione non ostile e i suoi valori. La piattaforma è ​liberamente accessibile tramite iscrizione.

“Quest’anno abbiamo deciso di festeggiare regalando noi qualcosa alla nostra community: abbiamo voluto sostenere tutti i docenti aiutandoli a dare alle nuove generazioni gli strumenti adeguati per vivere la rete” – dichiara Rosy Russo, Presidente di Parole O_stili -​“Siamo sempre più convinti che l’educazione sia l’unica risposta per affrontare le sfide poste dal web ed è per questo motivo che ​lancio l’appello per l’introduzione di un’ora di cittadinanza digitale a settimana nelle scuole, r​ afforzando la consapevolezza che virtuale è reale. L’istruzione deve essere una priorità del nostro Paese, motivo per cui ho accolto con grande ​piacere il richiamo del Presidente del Consiglio incaricato, Mario Draghi, sulle urgenze che il nuovo governo dovrà affrontare. In questo percorso di cambiamento che ci attende, Parole O_stili è pronta a fare la sua parte​.”

In occasione del compleanno sarà lanciata un’indagine demoscopica che coinvolgerà insegnanti di ogni ordine e grado e gli studenti della secondaria di secondo grado, con l’obiettivo di restituire una fotografia della situazione emotiva e didattica del mondo scuola – le difficoltà, le aspettative e il rapporto avuto con gli strumenti digitali e con i social – dopo un anno di didattica a distanza. L’indagine sarà condotta da Ipsos per Parole O_Stili e con il sostegno dell’Istituto Toniolo (ente fondatore dell’Università Cattolica).

A questo si aggiunge un progetto didattico ​smart dedicato alle classi della secondaria e che coinvolgerà anche tre volti noti tra i più giovani: la youtuber Sofia Viscardi e i cantanti Coma_Cose, prossimi partecipanti a Sanremo 2021. Il progetto culminerà con un evento live il prossimo 24 febbraio sul canale YouTube di Parole O_Stili.

Il 17 febbraio si terrà una vera “festa diffusa” fatta di momenti in diretta: alle ore 11.00 per “MiAssumo” il progetto dedicato alle professioni del futuro e realizzato in partnership con Asstel – Assotelecomunicazioni. Alle ore 15.00 per “La ricetta per stare in Rete – 10 big del food in un dialogo non ostile” moderato da Nicoletta Polliotto e con la presenza tra gli altri di Francesco Farinetti, dello chef stellato Filippo Saporito e della food blogger ​Vatinee Suvimol.

Nel corso della giornata saranno, inoltre, presentate le attività e i progetti che, grazie al contributo di aziende, PA e associazioni partner, Parole O_Stili metterà a disposizione della community durante tutto il corso dell’anno.
L’appuntamento più importante però sarà dato a tutti gli utenti della Rete, i quali verranno invitati a dipingere la Rete di giallo (colore simbolo dell’associazione), condividendo ognuno con il proprio estro, uno o più principi del Manifesto. Tutte le info per partecipare alla pagina qui.​

Era il 2017 quando Gianni Morandi fu primo firmatario e testimonial del Manifesto della comunicazione non ostile. Dal giorno della sua presentazione i 10 principi hanno fatto un viaggio bellissimo, di bacheca in bacheca, nelle aule delle scuole, nelle università in centinaia di comuni italiani e in decine di aziende…

(…) Fuor di metafora vogliamo che il 17 febbraio diventi l’occasione per celebrare la nostra community e tutti i principi (e i valori) del Manifesto. Ci piace l’idea di restituire, attraverso quella giornata, l’affetto, l’entusiasmo, i contributi, la fatica, le soddisfazioni, gli incoraggiamenti che abbiamo condiviso in questi primi 4 anni di Parole O_Stili. Un posto speciale lo hanno le tante persone con cui abbiamo sperimentato che la diversità è una ricchezza, anche in Rete.  Rosy Russo, fondatrice e presidente Parole O_stili (paroleostili.it)

Perché una festa?
Per celebrare la community di Parole O_Stili che in questi anni è diventata una comunità accogliente sostenuta da decine di migliaia di persone che credono che le parole abbiano un peso e un valore. Per restituire ancora una volta esperienze e conoscenze, così la rafforzare la consapevolezza che “virtuale è reale”. Durante la settimana del 17 febbraio apriremo i regali, ovvero racconteremo iniziative, progetti e attività che si svolgeranno durante il corso dell’anno grazie al sostegno di aziende, pubblica amministrazione, rappresentanti delle associazioni e di quanti vorranno contribuire a rendere concretamente fruibili i valori e gli obiettivi dei dei principi della comunicazione non ostile.