#Conibambini Tutta un’altra storia

di La Redazione

News
#Conibambini – Tutta un’altra storia

In Italia sono un milione e 292mila i bambini e adolescenti che versano in condizione di povertà assoluta, cioè uno su otto. Uno su otto non è poco, uno su otto significa che, in una classe di venti persone, almeno due non hanno i mezzi per mangiare, vestirsi, uscire con gli amici, praticare uno sport, perché costa troppo. La povertà economica si accompagna spesso alla povertà educativa, limitando la possibilità di bambini e ragazzi di apprendere, di sperimentare le proprie capacità, di sviluppare e far fiorire liberamente i propri talenti e aspirazioni, creando così diseguaglianze e limitando l’inclusione sociale.

#Conibambini- Tutta un’altra storia, la manifestazione nazionale itinerante che fa luce su queste tematiche, arriva lunedì 29 gennaio 2018 a Milano. Presso l’Auditorium Fondazione Cariplo, dalle 10 alle 12,30, Giuseppe Guzzetti, presidente di Fondazione Cariplo, e Carlo Borgomeo presidente dell’impresa sociale Con i Bambini incontreranno i ragazzi delle scuole milanesi e le organizzazioni del Terzo settore lombarde per discutere di povertà educativa e periferie, condividere esperienze e buone pratiche.

 

In più per la prima volta andrà in scena “Aspettando il tempo che passa”, spettacolo teatrale scritto con i ragazzi detenuti nel carcere minorile di Airola, in provincia di Benevento. Dopo lo spettacolo la disegnatrice Irene Coletto di Smemoranda, mediapartner dell’iniziativa, creerà illustrazioni ispirate alla performance.

A seguire, i giornalisti sportivi Pierluigi Pardo e Valeria Ciardiello introdurranno lo scrittore Gianni Biondillo, l’attrice Sarah Maestri e la disegnatrice Irene Coletto, che racconteranno le periferie milanesi. Tra gli ospiti in sala ci sarà anche Vittoria Cabello

L’evento, organizzato dall’impresa sociale Con i Bambini e Fondazione Cariplo rientra nelle iniziative promosse dal Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile che mette a disposizione 360 milioni di euro per tre anni per contrastare concretamente il fenomeno nel Paese.

Dopo Milano, la manifestazione farà tappa a febbraio a Napoli, a marzo a Brindisi, in aprile a Catania e si concluderà a maggio a Roma.