10 Ottobre 2018 – oggi compio 54 anni

di Antonio Albanese su 16 mesi - Smemoranda 2004





Le previsioni del professor Arturo Gianchetti sono esatte: dopo secoli di sottomissione psico-economica-culturale, l’Africa è diventata il continente più ricco del mondo.
Le previsioni del professor Gianchetti hanno sbagliato di poco ovvero il primato non è stato raggiunto nel 2023 ma, grazie al clima favorevole degli ultimi anni, nel 2018.
L’agricoltura di questo paese è una miniera d’oro, come d’oro sono tutte le miniere degli africani.
Il turismo viaggia a gonfie vele, il “mal d’Africa” sta colpendo il popolo leghista, le ultime tre edizioni dei campionati del mondo di calcio sono state vinte da squadre africane; Baggio gioca ancora e grazie a un suo gol il Camerun si è aggiudicato l’ultima finale.
Nelle scuole di tutto il mondo si studia l’africano, tutte le orchestre sinfoniche del mondo suonano musiche africane (molto richiesti sono i percussionisti), la cucina africana sta alimentando il mondo intero.
Tutti i più grandi centri di ricerca scientifica si sono trasferiti nel meraviglioso continente nero, la fuga di cervelli è quindi inevitabile.
L’opinione pubblica mondiale, soprattutto quella americana, è sotto choc e non capisce il ribaltamento, la situazione, ma ha capito, un po’ in ritardo, di aver sbagliato qualche miliardo di volte e di aver rotto milioni e milioni di coglioni.
Il continente africano, dopo secoli di inferiorità obbligata, si sente, e lo è a tutti gli effetti, il continente più ricco del mondo.
E in coro tutti ma proprio tutti gli africani del mondo, quelli incazzati e quelli meno, gridano all’unisono: “E adesso sono cazzi vostri!”


Antonio Albanese


Vedi +

Smemoranda 2004


Vedi +