I “Mai senza” fondamentali

di Filippo Tortu su 16 mesi - Smemoranda 2020



I “Mai senza” fondamentali

Mai senza: la pasta
Oltre a essere (naturalmente!) uno dei miei piatti preferiti, è un ottimo rimedio alla tragica fame post allenamento.
La cuoca di casa è mia nonna: la tradizione vuole che ogni giorno, dopo la scuola, io e i miei cugini raggiungiamo il resto della famiglia a casa sua per un piattone di pasta. La portiamo avanti da anni, e non abbiamo intenzione di smettere.
Da semplice alimento, per me la pasta è diventato un vero e proprio simbolo, senza il quale la mia vita e la mia famiglia non sarebbero lo stesso.

Mai senza: lo sport
Da quando ne ho ricordo, nella mia vita, lo sport è sempre stato presente.
Ho iniziato a quattro anni con l’atletica, successivamente basket, sci, calcio e nuoto.
Adesso ho la fortuna che la mia più grande passione sia diventata il mio lavoro, permettendomi di fare ciò che più amo e, soprattutto, di viaggiare molto.
Penso che lo sport ti dia una marcia in più, aiutandoti nelle sfide di tutti i giorni, preparandoti ad affrontare ogni difficoltà, facendoti vivere apprezzando ogni momento.

Mai senza: gli amici
Bello lo sport… però mi capita spesso di non essere a casa, a causa delle trasferte. E allora ogni volta che posso cerco in tutti i modi di concedermi un’uscita con la mia compagnia: siamo un gruppo di amici molto legati tra di loro, ci frequentiamo sin dai tempi delle scuole medie.
Il bello è che quando non sono io a casa, molti di loro mi seguono durante le gare, formando un vero e proprio team che si scatena sugli spalti.
È proprio il loro tifo a spingermi al massimo, ne sono certo.


Filippo Tortu


Vedi +

Smemoranda 2020


Vedi +