Il volto dell’amore

di Claudio Batta su 16 mesi - Smemoranda 2005





Pericoloso e tenero il mio volto dell’amore.
Ti è apparso la sera… dopo cena… 
verso le otto… otto e mezzo… dopo ‘u tg.
Forse era un arciere con l’arco.
O un musicante con l’arpa.
O un meccanico con la chiave del dodici.
Tu non sai più niente.
La sola cosa che sai è che ti ho colpita.
Forse con una freccia?
Forse con una canzone?
No… con una chiave del dodici!!


Claudio Batta


Vedi +

Smemoranda 2005


Vedi +