Smemo intervista By Night

di Teresa Mannino su 16 mesi - Smemoranda 2014





Di solito la gente si divide in diurna/notturna: voi che tipi siete?
Mago Forest: Io sono molto notturno, però odio i paletti di frassino e l’aglio!
Teresa Mannino: Diurna… dall’alba al tramonto.

Ci raccontate una notte (s)memorabile che avete vissuto insieme?
MF: Le notti sono state una quarantina tra prove e registrazioni, passate a condurre insieme la decima edizione di Zelig, ogni sera – un attimo prima di entrare in scena – il terrore di non ricordarci niente…
TM: Tutte le notti sul palco di Zelig…

La notte più assurda della vostra vita…
MF: Una volta sono stato rapito dagli Ufo, ma i miei amici agnostici e scettici ancora adesso asseriscono che non erano extraterrestri, ma Mojito.
TM: VINCENZUCCIO…

La città ideale per vivere la vostra notte…
MF: Ci si può annoiare a Las Vegas e divertirsi da matti a Sesto San Giovanni, non penso esista una città ideale, il divertimento è uno stato della mente, anche se mi hanno parlato molto bene dei peggiori bar di Caracas.
TM: Venezia.

Cose che si fanno (anche) di notte: usate i social network?
MF: Sono fermo al Dual Network, SMS e MMS, il massimo del social è spedire mail in “copia per conoscenza”.
TM: Ruzzle…

Luoghi (comuni) sulla notte: di notte ci si innamora di più?
MF: Se è vero che l’amore è cieco, la notte è sicuramente molto più avvantaggiata…
TM: Sì, ma di solito la mattina non te lo ricordi.

Una vecchia Smemo recitava… “Non ditelo a nessuno, ma la notte è meglio del
giorno”: approvato? ; )

MF: Mi piace quando cala il buio e si vedono meglio le stelle, amo il silenzio, l’atmosfera misteriosa che si viene a creare quando le tenebre avvolgono ogni cosa e io sento dentro la stessa emozione di un tassista che sa di poterapplicare la tariffa notturna.

TM: No, sinceramente preferisco la luce del sole.

Passeresti una notte con: John Kennedy, John
Lennon, Leonardo da Vinci?
MF: Con Leonardo da Vinci, mi farei spiegare bene questi benedetti “Codici”, così quando esco con Dan Brown faccio bella figura.
TM: John Kennedy, per sentirmi come Marilyn.

“Certe notti la macchina è calda e dove ti porta lo decide lei…”. A voi di solito dove porta?
MF: L’ultima volta che la mia macchina è stata calda l’ho dovuta portare io
dal meccanico e ho dovuto cambiare il carburatore… ma di solito mi porta a vagare senza meta nelle vie del centro. Mi piace guardare le vetrine dei negozi chiusi e salutare i manichini.
TM: Di solito a casa. Sono una donna tutta casa e palco.

L’ultima notte è stata…
MF: Insonne… Ho pensato tutto il tempo a come rispondere a queste domande sulla notte.
TM: Ieri.


Teresa Mannino


Vedi +

Smemoranda 2014


Vedi +