Referendum studentesco

di UDS Unione degli studenti

Attualità
Referendum studentesco

Rete della Conoscenza, nell’ambito dell’Agenzia nazionale per i Giovani, organismo del governo e dell’Unione Europea, sta promuovendo un referendum studentesco e ha individuato 7 temi sui quali esprimerci:

E adesso si VOTA! Dal 15 al 25 Aprile in centinaia di scuole e università italiane e sul sito referendumstudentesco.it, sarà possibile esprimere un’opinione su questioni importanti per il nostro futuro di cittadini. Questa è anche l’occasione per rispolverare un diritto che molti di noi non sanno nemmeno di avere: è l’articolo 2 comma 5 dello Statuto delle Studentesse e degli Studentiche dice:

Art. 2 (Diritti) comma 5: Nei casi in cui una decisione influisca in modo rilevante sull’organizzazione della scuola gli studenti della scuola secondaria superiore, anche su loro richiesta, possono essere chiamati ad esprimere la loro opinione mediante una consultazione. Analogamente negli stessi casi e con le stesse modalità possono essere consultati gli studenti della scuola media o i loro genitori. 

Vuol dire che dobbiamo alzare la voce e farci sentire, informarci sui nostri diritti e sperimentare nuove forme di partecipazione democratica alla vita di scuole e università, e della società in generale. Questa è l’unica vera arma che abbiamo per riaprire il dibattito sul sapere come vettore di emancipazione, su scuola e università come motori del cambiamento nella società, sul diritto allo studio come diritto di cittadinanza. Anche perché, tanto per rinfrescarti la memoria, l’Italia è all’ultimo posto in Europa per percentuale di spesa pubblica destinata alla cultura (1,1% a fronte del 2,2% dell’Unione Europea). E al penultimo posto prima della Grecia, per percentuale di spesa in istruzione (l’8,5% a fronte del 10,9% dell’Ue – dati Eurostat, fonte ansa.it).

Partecipa anche tu! Porta il referendum nella tua scuola o nella tua università: scopri come QUI.