Ricordi di Beppe Viola a Milano

di Michele R. Serra

Recensioni
Ricordi di Beppe Viola a Milano

“Vite vere compresa la vostra… “
tributo a Beppe Viola: una serata di incontinenza romantica!

Giovedì 7 luglio
TANGOY
viale monza 140

Voci: Vincenzo Costantino “Cinaski”, Gianluca De Angelis
Pianoforte: Folco Orselli
Tromba solista: Pepe Ragonese
Chitarra Elettrica: Flavio Pirini

Beppe Viola, forse il nome non dice molto ai ragazzi. Eppure lui è stato uno dei più grandi giornalisti e umoristi del nostro secolo. Un gigante prestato alle cronache sportive. Uno che dopo aver visto un derby bruttissimo fra Inter e Milan mandava in onda le immagini di quello dell’anno prima, così i tifosi non si annoiavano. Uno che scriveva canzoni con Enzo Jannacci, e i testi per Villaggio, Boldi e Teocoli quando facevano ridere, ai tempi d’oro del Derby. Uno che scriveva sceneggiature per i grandi del cinema, da Monicelli a Tognazzi. Uno che sembrava che se la menava, ma in realtà no. Uno che rendeva più bella Milano.

Se non sapete chi sia, andate al Tangoy stasera. Vi divertirete, e ne uscirete persone migliori.

Alcune perle:

Era uno che per sembrare un genio avrebbe dovuto essere completamente diverso.

«Lei è mai stato innamorato?». «No, ho sempre fatto il benzinaio».

Il Pepe con la sua chitarra sapeva far piangere chiunque senza bisogno di rompergliela sul braccio.

Beppe Viola ai mondiali di calcio del 1978.Descrizione del gol dell’olandese Haan: «Tiro di Haan… che coglie Maier intento a pensare alla sua fidanzata!»

Beppe Viola ai mondiali di calcio del 1982.Descrizione di un tiro finito altissimo dell’inglese Butcher: «Palla a Butcher, ancora Butcher, tiro… Butcher in inglese significa macellaio»