Salto in treno e scappo via! (Con i Finley)

di Veronica Janise Conti

Recensioni
Salto in treno e scappo via! (Con i Finley)

Prendere il treno per un soffio e sognarci dentro. Si parte… Perché la capitale è la capitale e stasera è ancora più bella. Roma bella, Roma capoccia.

Ci siamo tutti. Anche quelli che non sono mai arrivati, ché il treno l’hanno perso alla fine e quelli che non sono potuti partire. Ci sono perché basterà la chiamata di un amico durante la canzone del cuore a farli sentire al centro. Ci siamo tutti, il Gruppo Randa al completo. Questo novembre non è freddo.
 
E ci sono io, via tutti i pensieri! E c’è il sole.
E siamo Fuoco e Fiamme, tutto qui. E bruciamo ed è amore. Amore!
 
Al circolo degli Artisti c’è odore di cantina, è come essere a casa. (:
(Con quei quattro che si sentono un po’ Beatles al Cavern Club…)
Tanti piccoli cuori che battono insieme e più forte, finalmente. Perché questo era il giorno tanto atteso. E allora il palco si riempie e che Finley sia. E ogni canzone è un emozione diversa.
Quelle che ti fanno ballare e sbattere i capelli per provare a tenere il ritmo di quella batteria, di quell’energia instancabile. Insaziabile. Quelle che ti fanno tremare le gambe, che ti fanno pensare a quello che hai perso ma anche a tutto quello che hai trovato. Quelle che… è Fuego!!
 
Ogni volta, dopo ogni concerto c’ho lo stomaco vuoto ma il sorriso sempre più pieno.
Un punto che non si sposta mai. Davvero.
 
È partito il Fuoco e Fiamme Tour, baby! Non ci ferma più nessuno!