Due serie TV cult da recuperare durante la quarantena

di Valerio Fiormonte

News - Recensioni
Due serie TV cult da recuperare durante la quarantena

È un periodo tanto difficile quanto brutto per tutti. La pandemia di coronavirus si sta facendo sentire, ed essere reclusi in casa non è qualcosa a cui siamo abituati. Oltre al timore che viviamo per il virus, si fa sentire spesso e volentieri anche la noia, dovuta alle troppe ore passate tra le mura domestiche.

Dopo aver seguito le lezioni, finito i compiti, letto metà di un libro, vinto la trecentosessantaquattresima partita di briscola contro il cane, riordinato una cameretta che non era mai stata così pulita, addirittura lavato i piatti, guardiamo l’orologio e… oddio ma sono ancora le 17?! E la domanda sorge spontanea: che cacchio faccio adesso?

Semplice: ti siedi sul divano, sul letto, o sul divano-letto, accendi Netflix e, se non le hai già viste, ti recuperi una di queste due serie TV che NON puoi NON aver visto. Perciò prima di ricominciare la vita sociale, evita la figuraccia di dire “oddio no non l’ho vista quella” e recupera!

Friends

friends

Un must. La serie TV per eccellenza. Come i puzzle, adatta dai 0 ai 99 anni.
C’è gente che afferma di non fidarsi delle persone che non hanno visto Friends.
Certo, è un po’ “vecchiotta” avendo caratterizzato gli anni ’90, ma vi assicuro che è un ever, ever, evergreen. Le dieci stagioni, che racchiudono un totale di 236 episodi, possono sembrare un colosso insormontabile ma vi assicuro che scorrono con una velocità impressionante. E poi oh, niente scuse, ora avete un sacco di tempo.

La serie parla delle vicende di cinque newyorkesi:
Ross Geller (David Schwimmer), un professore di paleoantropologia, tanto acculturato quanto sfortunato in amore;
Rachel Green (Jennifer Aniston), giovane viziata figlia di papà, amica d’infanzia di Monica;
Joey Tribbiani (Matt LeBlanc), il belloccio fisicato, di origini italiane (eh beh!), tanto stupido quanto divertente;
Phoebe Buffay (Lisa Kudrow), una ragazza estremamente svampita e con la testa tra le nuvole;
Monica Geller (Courteney Cox), sorella di Ross, cuoca, maniaca della perfezione, fa sentire in colpa anche lo stesso spettatore se c’è qualcosa di sporco o in disordine in casa sua;
Chandler Bing (Matthew Perry), amico di infanzia di Ross, ironico e sempre con la frase pronta.

Definirlo “comico” sarebbe un insulto, definirlo “esilarante” sarebbe riduttivo. Friends è LA serie TV.
Come suggerisce il titolo, è basata molto sull’amicizia. Oltre alle battute ed alle situazioni paradossali, si assiste allo sviluppo del rapporto tra i cinque protagonisti, che non perdono occasione per rimarcare quanto sia fondamentale il sostegno di un amico in ogni situazione, anche solo per sdrammatizzarla un po’ (ed in questo, inutile sottolinearlo, ci riescono benissimo).
Indimenticabile ed iconica, poi, la colonna sonora “I’ll Be There For You” dei The Rembrandts.

How I Met Your Mother

how-i-met-your-mother

Un moderno Friends? La brutta copia?
No.
How I Met Your Mother è un altro tipo di serie.
Certo, il format è lo stesso, addirittura molte teorie sono riprese, ma il motivo è semplicemente che Friends è un’ispirazione per le serie TV che l’hanno seguita.
Mentre Friends infatti si basa molto sull’amicizia, How I Met Your Mother è al 90% incentrato sull’amore.Il protagonista, Ted Mosby (Josh Radnor), racconta in 9 stagioni (un totale di 208 episodi) ai suoi due figli di come ha conosciuto la madre (da qui, il titolo).

Nella sua quotidianità è accompagnato dagli amici storici e tra loro fidanzati Marshall Eriksen (Jason Segel) e Lily Aldrin (Alyson Hannigan); dall’implacabile latin lover Barney Stinson (Neil Patrick Harris); dalla sua eterna amica/fiamma canadese Robin Scherbatsky.

Oltre alla trama, continuamente condita di colpi di scena, quello che caratterizza How I Met Your Mother sono le numerosissime teorie in fatto di amore. Ne accenno una, che non ha valenza in termini di spoiler: se la persona che ci piace facesse un gesto romantico come venire sotto casa nostra con dei fiori, allora saremmo felicissimi e lo apprezzeremmo; ma se lo stesso gesto lo facesse qualcuno che NON ci piace, lo additeremmo come stalker e pazzo sclerato maniaco.

Perciò prendetevi il vostro tempo e recuperate o riguardate quest’altra serie che assolutamente non deve mancare nella vostra lista!