La Sfatina sfata pregiudizi a Milano

di Redazione Smemoranda

News
La Sfatina sfata pregiudizi a Milano

La Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza del Comune di Milano Anna Maria Caruso in collaborazione con Smemoranda presenta l’iniziativa: “La Sfatina sfata pregiudizi”, una campagna di sensibilizzazione dedicata agli adolescenti sui temi dell’uguaglianza sociale, dell’accettazione di sé e della lotta ad ogni forma di discriminazione.

Chi è la Sfatina?

Il personaggio della Sfatina nasce dalla matita di Maicol & Mirco, celebre per i suoi tragicomici Scarabocchi. Ogni mese sul sito Smemoranda.it la Sfatina ci regala pillole filosofiche per sfatare anche i pregiudizi più radicati. Nella sua rubrica, online a partire dal 21 ottobre, ci sarà spazio per un approfondimento o un’intervista sul tema trattato a cura della redazione di Smemoranda e della Garante dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza del Comune di Milano.

La Sfatina in mostra per gli studenti milanesi

La presentazione dell’iniziativa sarà a Palazzo Marino in sala Alessi, insieme al Presidente del Consiglio Comunale Lamberto Bertolè, il 17 ottobre dalle 9,30 alle 12,30. Per l’occasione saranno in mostra le tavole della Sfatina finora realizzate. L’appuntamento è organizzato dalla Garante per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza del Comune di Milano Anna Maria Caruso, dal Presidente del Consiglio Comunale di Milano Lamberto Bertolè e dai direttori di Smemoranda Nico Colonna, Gino&Michele. Presentano l’iniziativa il comico Germano Lanzoni e l’autrice comica Giovanna Donini in collaborazione con Radioimmaginaria, l’unica radio di adolescenti in Europa, che trasmetterà l’incontro in diretta e intervisterà i partecipanti. Tra gli ospiti l’autore della Sfatina Maicol & Mirco, all’opera dal vivo, e la giornalista di Sky sport Gaia Brunelli, che racconterà il mondo del calcio femminile. Interverranno il Dirigente dell’Ufficio Scolastico Regionale per la Lombardia Marco Bussetti, l’Assessora all’educazione e istruzione del Comune di Milano Laura Galimberti , l’Assessore alle Politiche Sociali e Abitative del Comune di Milano Gabriele Rabaiotti.

Il vero protagonista dell’incontro sarà il pubblico, composto dagli studenti di alcuni Istituti superiori milanesi. I ragazzi saranno chiamati a interagire con il palco sia dal vivo che attraverso il canale WhatsApp di Smemoranda, che gli consentirà di fare domande agli ospiti in tempo reale e in totale anonimato.

Anna Maria Caruso, La Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza del Comune di Milano: I giovani hanno forza, hanno entusiasmo, hanno idee, hanno sogni e avere uno spazio e un tempo per raccontarsi e per ascoltarsi è una buona occasione per loro ma è anche un’opportunità imperdibile per le istituzioni che si occupano di loro. L’ufficio del Garante per i diritti dell’infanzia e dell’adolescenza si propone come un veicolo di trasmissione del pensiero dei giovani alle istituzioni cittadine e come un discreto ma attento suggeritore di iniziative educative e sociali che rendano concreti i loro diritti. Perché, come dice la Garante Nazionale dell’Infanzia, i diritti o sono di tutti o non sono di nessuno”.

I direttori di Smemoranda Nico Colonna, Gino&Michele: “La Smemo è nata dal movimento degli studenti e ha raccolto fin da subito l’urgenza dei giovani di esporsi e partecipare alle questioni sociali. Con il tempo siamo diventati una comunità creativa che condivide, sulla carta e nel Web, legami culturali forti, voglia di vivere e di contare. L’obiettivo resta sempre lo stesso: esprimere la propria visione del mondo con spirito critico e ironia. Abbiamo cercato di mettere sempre al centro l’ottimismo e i valori positivi come la pace, l’uguaglianza, la solidarietà, il libero pensiero contro ogni forma di pregiudizio. Vorremmo contribuire nel nostro piccolo a valorizzare i giovani non come spettatori passivi, ma come ciò che in realtà sono: i veri protagonisti del cambiamento.”

La campagna “La Sfatina sfata pregiudizi” ha ottenuto il patrocinio del Comune di Milano sulla pagina pubblicata sul diario SMEMORANDA 16 MESI 2020, distribuito con una tiratura di circa 575 mila copie su tutto il territorio nazionale. L’iniziativa nasce per sensibilizzare gli adolescenti sul solco delle attività di promozione dei diritti dei minori che la Garante per i diritti dell’Infanzia e dell’Adolescenza svolge fin dalla sua nomina nel 2016, nelle scuole e con le realtà istituzionali e del no-profit cittadino.